Aprire un negozio in franchising: come fare

23 ottobre 2017 08:590 commentiVisualizzazioni: 19

Molte persone oggi si trovano in una situazione professionale precaria, che non amano o addirittura in mobilità. In questi casi spesso si ritiene che il modo migliore per rimettersi in gioco consista nell’avviare una nuova attività commerciale. Un buon metodo per farlo senza troppi rischi consiste nell’approfittare dell’ampia offerta di affiliazioni oggi disponibile, che permette di avere tutto l’aiuto necessario per avviare al meglio la nuova impresa. Se si tiene conto che il franchising in Italia è in costante crescita, sia per numero di marchi disponibili, sia per addetti, allora la questione diventa ancora più divertente. Un punto da cui partire sta nella scelta del miglior franchising disponibile.

Avere le idee chiare
Non esiste un’attività in franchising migliore di tutte le altre, ci sono solo proposte migliori per ogni singola situazione. Come primo passo è importante chiarire quale tipo di attività si intende avviare e per quale ci si sente più portati. Oggi i franchisor sono tantissimi, si va dalla vendita di scarpe, al noleggio di veicoli elettrici, o ai locali per la ristorazione. La giornata tipo di chi noleggia biciclette elettriche è ben diversa da quella del pizzaiolo e non tutti sono portati per entrambe i ruoli, meglio sapere per tempo cosa si vuole fare. A volte chi avvia un franchising ha già qualche esperienza nel settore, altre volte invece per nulla. La situazione di un cameriere che vuole aprire un suo ristorante approfittando di un’offerta in franchising è ben diversa da quella di un impiegato che si trova in mobilità e si vuole rimettere in gioco. Perché un lavoro sia piacevole è importante che rispecchi i nostri desideri più intimi. Prima di valutare i diversi contratti di franchising disponibili è quindi importante avere le idee chiare su cosa si vuole fare nella vita: il venditore di bigiotteria, il gelataio o altro?

Verificare i contratti
Dopo aver ristretto i settori in cui si intende operare è venuto il momento di valutare le offerte disponibili. Per farlo è importante considerare i diversi tipi di contratto. Ogni singolo franchisor infatti redige un contratto del tutto personalizzato. In linea generale le aziende con un nome noto e famoso tendono a richiedere delle quote di ingresso abbastanza importanti, mentre i franchisor più piccoli e non troppo noti possono anche non esigere alcun tipo di pagamento di questo genere. Potersi affidare a un marchio noto però dà maggiori opportunità di successo in ambito commerciale, mentre scegliere un franchising quasi del tutto sconosciuto o nuovo può essere un rischio elevato. Molto dipende anche dal capitale che si ha a disposizione: se è minimo, il numero di contratti cui ci si può avvicinare diminuisce enormemente. Ci sono poi diverse altre questioni che riguardano il contratto di franchising. Alcune aziende infatti sono disposte a lasciare i loro prodotti in conto vendita nel negozio del franchisee: l’invenduto può essere restituito alla casa madre, ottenendo un rimborso o un cambio merce. In altri casi invece il contratto prevede una fornitura periodica con nuova merce, o il pagamento di royalties alla casa madre per ogni articolo commercializzato.