BTP Italia indicizzato all’inflazione italiana

16 ottobre 2016 08:230 commentiVisualizzazioni: 303

Un comunicato stampa del MEF spiega l’emissione dei BTP Italia indicizzati all’inflazione italiana anticipando agli acquirenti dei titoli di stato che siamo alla decima emissione eil tasso cedolare annuo garantito è fissato allo 0,35%. 

Ecco il comunicato del MEF con tutte le indicazioni utili a chi ha deciso d’investire in BTP.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze comunica l’emissione del BTP Italia indicizzato all’inflazione italiana (Indice FOI, senza tabacchi – Indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, al netto dei tabacchi) con godimento 24 ottobre 2016 e scadenza 24 ottobre 2024. L’emissione avrà luogo sul MOT (il Mercato Telematico delle Obbligazioni e Titoli di Stato di Borsa Italiana) attraverso BNP Paribas e Monte dei Paschi di Siena Capital Services Banca per le Imprese S.p.A. dal 17 al 20 ottobre 2016.

Il tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito è pari a 0,35%. Il tasso cedolare (reale) annuo definitivo sarà fissato al termine del periodo di raccolta degli ordini di acquisto e non potrà essere inferiore al tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito.

La data di regolamento di tutti gli ordini di acquisto eseguiti è unica e coincide con quella di godimento. Il numero indice dell’inflazione calcolato alla data di godimento e regolamento del titolo è 100,14839.

Per la Prima Fase del periodo di collocamento, dal 17 al 19 ottobre 2016 salvo chiusura anticipata, il codice ISIN del titolo è IT0005217762. Si ricorda che sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze sono presenti tutti i documenti che illustrano sia le modalità di collocamento e distribuzione del titolo che le modalità di calcolo della cedola e della rivalutazione del capitale.

Le informazioni qui riportate non sono destinate ad essere pubblicate o distribuite, direttamente o indirettamente, negli Stati Uniti d’America. Il documento e le informazioni in esso contenute non costituiscono un’offerta di vendita di strumenti finanziari negli Stati Uniti. Gli strumenti finanziari a cui viene fatto riferimento non sono stati e non saranno registrati ai sensi del U.S. Securities Act of 1933, come modificato (il “Securities Act”) e non possono essere offerti o venduti negli Stati Uniti d’America, salvo siano registrati ai sensi del Securities Act o sulla base di esenzioni applicabili si sensi del Securities Act. Tali strumenti finanziari non sono e non saranno oggetto di alcuna offerta pubblica negli Stati Uniti d’America. Di conseguenza, questi strumenti finanziari possono essere offerti, venduti o consegnati soltanto a persone fuori dagli Stati Uniti ai sensi della Regulation S del Securities Act.

 

Abbiamo parlato di: