Il lavoro dell’assicuratore: in cosa consiste, difficoltà e soddisfazioni

3 novembre 2017 16:010 commentiVisualizzazioni: 25

L’Assicuratore è un lavoro di cui pochi parlano. Insomma quando ai bambini si chiede “Cosa vuoi fare da grande” raramente la risposta è quella. Tuttavia l’Assicuratore è un lavoro di tutto rispetto, non solo utile perché orientarsi nel mondo delle polizze (spesso obbligatorie) da soli è un’impresa epica, ma anche un lavoro che da soddisfazioni a chi intraprende seriamente questo percorso.

Per diventare assicuratore ovviamente non ci vuole la laurea e non c’è una scuola specifica, ma è anche vero che oggi, viste le centinaia di diverse proposte sul mercato, le leggi e le tecnologie, c’è molto da sapere, ed in alcuni casi è opportuno frequentare dei corsi specifici perché per diventare agente assicurativo a tutti gli effetti bisogna superare un esame sia scritto che orale presso ISVAP (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo, oggi diventato ISVASS) ed essere poi iscritti al Registro Unico degli Intermediari Assicurativi.

Alcune università, come quelle telematiche, offrono corsi professionali per assicuratori che aiutano chi vuole essere sicuro di superare l’esame ed iniziare a lavorare con le basi giuste.

L’Assicuratore è di fatto un consulente che orienta il cliente nella scelta della polizza più appropriata. Ci sono due tipi di assicuratore, quello propriamente detto che lavora per una Compagnia specifica e quindi viene pagato (con stipendio e commissioni) da questa ed il broker assicurativo, un “freelance” che rivende polizze di diverse società, fornendo al cliente il servizio di ricerca dell’assicurazione perfetta.

Una delle prerogativa di chi lavora in questo campo è quella di doversi aggiornare continuamente sia su quello che c’è sul mercato assicurativo sia sulle novità legislative. Polizze RCA, assicurazioni sulla vita, assicurazioni mediche, assicurazioni per lavoratori, polizze su beni mobili ed immobili ecc… Un settore che continuamente si evolve e cresce con un panorama vastissimo.

E come abbiamo già detto il quadro legislativo varia: quali sono le assicurazioni obbligatorie per le attività commerciali?Agricole? Industriali? E le assicurazioni per sismi e calamità naturali di altro tipo di cui si parla tanto oggi come funzionano? Quali sono i diritti e doveri del cliente che stipula una polizza?

Tutte queste domande hanno risposte che possono essere modificate e cambiare in breve tempo a causa di una legge, di una nuova tecnologia (per esempio la scatola nera nelle macchine o le telecamere che riprendono l’attività di guida e che si stanno diffondendo negli Stati Uniti d’America) o anche di cambiamenti nel mercato (ad esempio i siti internet che offrono polizze a prezzi più bassi perché ovviamente il processo automatizzato d’acquisto non richiede di pagare un consulente).

Proprio a questo proposito va detto che nonostante i siti internet per la ricerca di assicurazioni a buon prezzo hanno preso una parte importante del mercato, il lavoro di assicuratore è richiesto più che mai visto che comunque la maggioranza dei clienti ha bisogno di qualcuno che li aiuti nella scelta e soprattutto che li segua a lungo termine quando, come abbiamo già detto, c’è qualche novità o cambiamento.

Per questo motivo il lavoro di assicuratore è un lavoro che da molte soddisfazioni sul piano umano, permettendo all’agente di lavorare continuamente a contatto con persone nuove e dando l’opportunità di essere non solo un semplice venditore, ma qualcuno che possa consigliare nel modo giusto e possa fare luce su diversi dubbi.