Abuso di informazioni privilegiate

L'abuso di informazioni privilegiate è un reato. Ecco quando e come viene compiuto.

15 marzo 2013 18:280 commentiVisualizzazioni: 63

ECONOMIA GRAFICI  L’abuso di informazioni privilegiate si configura come un reato per il quale viene accusato chi, trovandosi in possesso di informazioni privilegiate in ragione della partecipazione al capitale di una società, ovvero dell’esercizio di una funzione, anche pubblica, di una professione o di un ufficio, effettua le seguenti azioni:

– acquista, vende o realizza altre operazioni, anche per interposta persona, su mezzi di natura finanziaria servendosi delle informazioni medesime;

– senza fornire giustificazione alcuna del motivo, comunica determinate informazioni, consigliando in altri termini ad altri, a partire da esse, il compimento di ognuna delle operazioni di cui sopra (come statuito nell’articolo 180, comma 1, Tuf).

– Individua oltretutto il reato compiuto da chi, avendo ricevuto, direttamente o indirettamente, informazioni privilegiate, acquista, vende o compie altre operazioni, anche per interposta persona, su mezzi finanziari servendosi delle ripetute informazioni (come disciplinato articolo 180, comma 2, Tuf).