Asta Giudiziaria

Attività processuale che si tiene nei pressi dell'ufficio aste giudiziarie dei tribunali, per trattare la vendita di beni in caso di fallimento proprietario.

22 febbraio 2013 20:580 commentiVisualizzazioni: 40

casaL’asta giudiziaria altro non è che una peculiare attività processuale che si tiene nei pressi dell’ufficio aste giudiziarie dei tribunali, e attraverso cui il giudice fallimentare responsabile dell’ufficio, a seguito di un’esecuzione immobiliare o di un fallimento, dispone la vendita forzata di uno o più beni mobili o immobili di proprietà dell’esecutato o del fallito, in modo tale da ottenere una liquidità con la quale soddisfare, in tutto o in parte, i creditori intervenuti nel processo.

L’Asta, chiamata comunemente anche vendita, può essere effettuata in base diverse modalità:

vendita “con incanto” o vendita “senza incanto”: adottate per i beni immobili. Entrambe le prassi contemplano che in caso di più offerenti, si svolga una gara, in udienza davanti al giudice o a un suo delegato, secondo le modalità indicate più avanti.

Differenza tra forme di vendita

Nella vendita senza incanto l’offerta è immediatamente impegnativa per chi la fa; non è quindi possibile revocarla e, se si è l’unico offerente, si è obbligati all’acquisto; in caso di rifiuto si perde la cauzione versata. Nella vendita con incanto, di contro, se si è l’unico offerente e non ci si presenta all’udienza per la gara, si perde solo un decimo della cauzione versata.

vendita a trattativa privata: usata a discrezione del giudice per i beni mobili, specie se di piccolo valore.