Home Blue Chip

    Blue Chip

     Il termine “Blue chip” è abbastanza controverso. Per trovare la sua origine dobbiamo viaggiare negli Stati Uniti. Scopriremo che la parola “Blue Chip” è comunemente abbastanza utilizzata in Borsa, bensì viene presa in presitito dal gergo del gioco d’azzardo.

    E’ un termine che ha un lungo corso nel gergo del poker, dove infatti, “blue chip” (gettone blu) sta ad indicare la fiche alla quale viene assegnato quello che è il valore più alto.

    All’interno dei mercati finanziari con il termine “Blue Chip” si indicano principalmente le azioni delle società di maggior valore.

    Si tratta di una sorta di titolo “nobiliare” che viene riconosciuto dal mercato, anche se soggetto a frequenti revisioni, alle società più imponenti.

    Si configurano dunque come “blue chips” non le azioni più costose, bensì le azioni di imprese che possono vantare grandi dimensioni. Aziende che dunque hanno una certa stabilità e, principalmente, vantano una tradizione consolidata di distribuzione e crescita dei dividendi. Importanti valori delle azioni blue chip sono rappresentati dalla notorietà della società, senza dimenticare anche la fama del management. L’acquisto di azioni blue chip può rappresentare una garanzia di fronte all’instabilità della Borsa.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui