Buy-back

Il Buy-back è l'operazione di acquisto di azioni proprie da parte di una società per azioni.

31 gennaio 2013 17:160 commentiVisualizzazioni: 460

obbligazioni  Parliamo di buy-back (traducibile in italiano come riacquisto di azioni proprie) in caso di operazione di acquisto di azioni proprie da parte di una società per azioni. In virtù della legislazione italiana, le azioni proprie in portafoglio non possono andare oltre la quota limite del 20% del complesso delle azioni presenti sul mercato. Secondo la disciplina contabile civilistica, l’importo nominale delle azioni proprie, contemplato nel costo storico o al fair value, va attribuito ad una specifica Riserva per azioni proprie; essa si trova in bilancio sotto la voce Patrimonio netto, nelle Passività.

Successivamente della crisi del 2008, le operazioni di riacquisto di azioni proprie sono diventate valide anche per altri strumenti finanziari. Alcuni esempi? Le obbligazioni, e a soggetti di diritto pubblico, in particolare con il riacquisto di titoli di debito sovrano da parte delle Banche Centrali.

In questi casi, il riacquisto è finalizzato a:

– Fare in modo che all’asta con gli investitori istituzionali venga evitato il fatto che alcune obbligazioni restino invendute(e coprire le esigenze di liquidità degli Stati);

– Collocamento dei titoli con interessi più bassi: elevandola domanda (ovvero, arrivando dallo stesso emittente, di ridurre l’offerta), perché scende il costo complessivo del debito pubblico, e si mantiene ripagabile anche nel lungo termine.