Fondi con cedola periodica

5 aprile 2013 18:070 commentiVisualizzazioni: 249

controllo dei fondi comuni di investimentoOttenere un’entrata periodica immediatamente fruibile dal proprio investimento. Questo lo scopo dei Fondi con cedola periodica. Parimenti a quanto si verifica con BTP e CCT, i fondi comuni che distribuiscono una cedola periodica possono fornire questa possibilità che si rivela molto utile nei periodi di particolare difficoltà del proprio “bilancio familiare”.

I risparmiatori italiani sono tradizionalmente connessi a forme di investimento tali da offrire un rendimento periodico. È ancora salda, infatti, l’abitudine di affidare i propri risparmi a strumenti come BTP e CCT, che distribuiscono una cedola semestrale o annuale.

Perché scegliere i fondi con cedola periodica

Le motivazioni possono essere di natura pratica o di natura psicologica:

Ragioni pratiche

Nei periodi di particolare ristrettezza economica per quanto concerne il proprio budget familiare, avere un’entrata periodica è un ottimo carburante per andare avanti.

Ragioni psicologiche

La cedola, trasformante un potere d’acquisto differito in un potere d’acquisto subito fruibile, consente di toccare con mano

I fondi a distribuzione dei proventi

Questi fondi possono distribuire una cedola periodica legata ai ricavi realizzati dal fondo in un determinato periodo. Semplificando un po’, i ricavi di un fondo prendono la forma di:

– proventi netti (rientrano in questa categoria gli interessi incassati dai titoli obbligazionari e i dividendi per i titoli azionari);

– utili da realizzo, cioè la plusvalenza che si realizza quando si vende un titolo a un prezzo più alto di quando lo si è comprato.

In funzione delle periodicità espresse nel Prospetto di ciascun fondo, le SGR possono decidere se distribuire in tutto o in parte i ricavi del fondo; gli eventuali ricavi non distribuiti rimangono incorporati nel patrimonio del fondo.

Le tipologie di fondi a distribuzione

Pur simili nel funzionamento esistono diversi prodotti (sia azionari che obbligazionari) che distribuiscono una cedola, riconducibili a 2 categorie principali:

Prodotti a sottoscrizione continua che non prevedono una scadenza definita e che periodicamente (di solito semestralmente o annualmente) distribuiscono una cedola variabile.

Prodotti che prevedono una durata definita e sono in grado di fornire sin dall’inizio proiezioni circa il rendimento dell’investimento a scadenza, ovvero le cedole che verranno distribuite.

In conclusione, per i clienti che desiderano una cedola dai propri investimenti l’offerta è ampia e diversificata. Il consiglio è sempre quello di scegliere, insieme al proprio consulente, il prodotto che meglio cattura le proprie esigenze.