Insider trading

26 marzo 2013 20:010 commentiVisualizzazioni: 23

soldi L’insider trading altro non è che un abuso di informazioni privilegiate. In altri termini si tratta di un reato compiuto da chi, essendo in possesso di informazioni privilegiate in ragione della partecipazione al capitale di una società, ovvero dell’esercizio di una funzione, anche pubblica, di una professione o di un ufficio:

– acquista, vende o compie altre operazioni, anche per interposta persona, su strumenti finanziari avvalendosi delle informazioni medesime;

– senza giustificato motivo, dà comunicazione delle informazioni, ovvero consiglia ad altri, sulla base di esse, il compimento di taluna delle operazioni di cui sopra (art. 180, comma 1, del D.Lgs. 58/98).

Individua altresì il reato compiuto da chi, avendo ottenuto, direttamente o indirettamente, informazioni privilegiate, acquista, vende o compie altre operazioni, anche per interposta persona, su strumenti finanziari avvalendosi delle ripetute informazioni (art. 180, comma 2, D.Lgs.58/98).

Sono punite anche la comunicazione a terzi dell’informazione (tipping) e il consiglio di compiere operazioni sulla base dell’informazione stessa (tuyautage).