Paradiso Fiscale

Il paradiso fiscale è un luogo in cui le tasse sui depositi bancari sono nulle o prossime allo zero, quindi molto convenienti per depositare grandi capitali.

29 Dicembre 2012 13:220 commentiVisualizzazioni: 30

Per paradiso fiscale si intende uno Stato il cui prelievo fiscale sui depositi bancari è prossimo allo zero. Si tratta di una situazione molto conveniente, una sorta di scambio alla pari tra i contribuenti – poche tasse che mantengono quasi intatto il capitale e la possibilità di stabilirvi imprese ad un costo molto basso (offshoring) – che per lo Stato che applica questo tipo di regime fiscale, in quanto è in grado di attirare dei grandi capitali esteri.

I paradisi fiscali, nella maggior parte dei casi, hanno anche regole molto rigide sul segreto bancario (da cui deriva la possibilità di effettuare transazioni coperte), e, di contro, delle regole societarie molto blande che permettono di ottenere facilmente licenze per l’emissione di titoli al portatore e di operare nei fondi di investimento.

In virtù di questo, però, molto spesso la situazione dei paradisi fiscali, e di coloro che qui portano i loro soldi, è al limite dell’evasione fiscale.

Le principali tipologie di paradiso fiscale sono:

1. Pure Tax Haven: assoluto segreto bancario e tasse solo sul valore nominale;

2. No Taxation on Foreign Income: le tasse sono applicate solo sul reddito che viene prodotto internamente dall’utilizzo dei capitali esteri;

3. Low Taxation: tasse basse su tutte le tipologie di reddito;

4. Special Taxation: caratterizzati da tasse simili a quelli dei paesi con regime fiscale normale, ma che danno la possibilità di aprire società molto flessibili.