Prodotto Interno Lordo

Tra gli indicatori economici più importanti, il PIL definisce la crescita reale del Paese in un determinato periodo di tempo.

30 dicembre 2012 10:400 commentiVisualizzazioni: 27

Il Prodotto Interno Lordo (PIL) si definisce come il valore totale dei beni e dei servizi prodotti da un Paese in un arco di tempo (che di solito è un anno) che può essere calcolato sia in termini nominali che reali, ossia calcolato con prezzi costanti che non tengono conto dell’inflazione.

Nello specifico si parla di

– Prodotto in quanto nel calcolo di questo indicatore sono presi in considerazione i beni e servizi finali prodotti all’interno del paese,

– Interno, in quanto si considerano solo i beni e i servizi prodotti internamente (non sono presi in considerazione, quindi, i beni e i servizi prodotti da imprese nazionali con sede all’estero)

– Lordo in quanto non vengono sottratti al calcolo finale gli ammortamenti.

Del PIL non fanno parte i beni intermedi destinati ai consumi industriali, le transazioni a titolo gratuito (no-profit ed intra-familiari) e quelle derivanti dalla attività criminali. In questo senso il PIL può essere considerato come un indicatore della ricchezza di un paese, ma, di contro, non del suo benessere.

Il calcolo del PIL può avvenire secondo tre diverse metodologie:

1. Metodo della Spesa: sommatori di consumi, investimenti, spesa pubblica ed esportazioni nette;
2. Metodo del Valore Aggiunto: sommatoria dei valori dei Beni e dei Servizi prodotti dalle imprese, di cui viene preso in considerazione solo il valore aggiunto di ogni bene allo specifico stato di produzione;
3. Metodo dei Redditi: somma delle retribuzioni e dei redditi da capitale.