Home Subprime

    Subprime

     Vi sono alcuni termini mutuati dalla lingua inglese quali “Subprime (Subprime lending)”, “B-Paper”, “near-prime” oppure “second chance” atti ad indicare quei prestiti che, in un ampio quadro di natura finanziaria promosso negli Stati Uniti, vengono forniti ad un soggetto che non può avere accesso ai tassi di interesse di mercato, in quanto ha avuto in precedenza problemi riguardanti il suo storico di debitore.

    Prestiti subprime

    I prestiti subprime contemplano un alto tasso di rischio tanto per i creditori quanto per i debitori, data la pericolosa combinazione di alti tassi di interesse, negativa storia creditizia del debitore e dimensioni finanziarie poco chiare o difficilmente documentabili, legate a coloro che hanno la possibilità di accedere a tale tipo di credito.

    Il termine, nello specifico per ciò che riguarda il prefisso “sub-“, si riferisce alle condizioni inferiori a quelle ottimali del prime loan, tenendo in conto il più alto grado di rischio, del rapporto di obbligazione.

    La tipologia subprime contempla un’ampia varietà di strumenti di credito, quali

    – i mutui subprime;

    – i prestiti d’auto subprime;

    – le carte di credito subprime.

    Attività Subprime

    Un’attività subprime si configura prevalentemente per lo stato della parte debitrice. Un mutuo subprime è, stando alla definizione, un mutuo effettuato in favore di un soggetto che non poteva avere ingresso ad un tasso più favorevole nel mercato del credito. I debitori subprime hanno tipicamente un basso punteggio di credito e storie creditizie fatte di inadempienze, pignoramenti fallimenti e ritardi. Poiché i debitori subprime vengono considerati ad alto rischio di insolvenza, i prestiti subprime hanno tipicamente condizioni meno favorevoli delle altre tipologie di credito. Queste condizioni contemplano tassi di interesse, parcelle e premi più elevati.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui