Utile

Indica l’eccedenza del totale dei guadagni sul totale dei costi di una o più operazioni commerciali o finanziarie o dell’intera gestione d’impresa.

11 marzo 2013 18:510 commentiVisualizzazioni: 96

outlookPer quanto concerne il linguaggio finanziario e contabile, con il termine “utile” si indica l’eccedenza del totale dei guadagni sul totale dei costi di una o più operazioni commerciali o finanziarie o dell’intera gestione d’impresa.

Utile finale e utile di esercizio

Occorre fare una differenza tra utile finale e utile di esercizio.

Utile finale: l’utile finale si calcola quando termina l’attività economica dell’azienda;

– Utile di esercizio: l’utile di esercizio si configura invece come il risultato della gestione aziendale riportato, in ogni periodo amministrativo, nel conto economico dell’impresa. A sua volta, l’utile di esercizio si divide in:

– utile lordo: contempla le spese generali ed amministrative;

utile prima delle imposte: al lordo del prelievo fiscale per l’IRPEG e l’IRPEF;

utile operativo: è atto a misurare il risultato della gestione caratteristica dell’impresa;

utile corrente: esclude le operazioni di carattere patrimoniale;

utile netto: è il risultato del conto perdite-profitti, detratti oneri, spese ed imposte. Si configura come la ricchezza nuova generata dall’impresa, liberamente disponibile per essere distribuita ai soci o accantonata in previsione di spese o investimenti futuri, e costituisce l’elemento di passaggio tra conto economico e stato patrimoniale dell’impresa.