Auto, brusco stop del mercato in Francia

Il dato di Ccfa.

2 Giugno 2015 16:320 commentiVisualizzazioni: 9

Brusco stop del mercato auto in Francia. Le immatricolazioni di auto nuove hanno fatto segnare una discesa del 4% a maggio sul mercato transalpino, a seguito di un incremento del 2,3% in aprile.

 

A renderlo noto è Ccfa, l’associazione dei produttori di auto francesi. Nei primi 5 mesi dell’anno, il mercato francese delle auto nuove è cresciuto del 3,8%; se si omogeneizza rispetto al 2014 il numero dei giorni, la crescita diventa ancor più consistente con un +5,8%.

In questo contesto, come mostrano le tabelle di Ccfa, i gruppi francesi hanno sofferto una perdita dell’8,8% delle vendite, frutto soprattutto dell’arretramento di Psa Peugeot Citroen (meno 12,8 punti a maggio), mentreRenault ha tenuto meglio con un calo del 3,1 per cento. Continua il buon momento di Fca, visto che la casa del Lingotto ha segnato una crescita di 3,3 punti percentuali delle vendite, che diventa un balzo di 9,4 punti percentuali se si considerano i primi cinque mesi del 2015 verso lo stesso periodo del 2014. Il dato risulta superiore anche al gruppo ristretto di marche straniere, che nel loro complesso hanno visto una crescita di 7,3 punti nei primi cinque mesi del 2015. Nei cinque mesi, la quota di mercato di Fiat Chrysler è del 3,67%.

Tra le case estere, leader per quota di mercato nell’esagono a maggio il gruppo Volkswagen con il 13,9% (-5,3% le vendite), davanti a Ford che segna 4,8% (-10,4% le vendite) e Nissan con il 4,14% (+13,5%). Bene il segmento premium, con Bmw che registra un aumento del 27% delle vendite e Mercedes del 14,8%. Tra i generalisti, Hyundai -3,2%, Toyota -2,2% e General Motors +0,6%. Nel gennaio-maggio Volkswagen è in testa con una quota al 12,7% (+0,1% le vendite), davanti a Ford che registra 4,61% (+8,5%) e Nissan 4,14% (+10,9%). In rialzo anche le immatricolazioni di Toyota (+7%) e Hyundai (+16,7%) e, nell’alto di gamma, quelle di Bmw (+24,4%) e Mercedes (+22,1%). In calo, invece, quelle di Gm (-8,9%).

Abbiamo parlato di: ,