Un comunicato stampa del MEF spiega l’emissione dei BTP Italia indicizzati all’inflazione italiana anticipando agli acquirenti dei titoli di stato che siamo alla decima emissione eil tasso cedolare annuo garantito è fissato allo 0,35%. 

Ecco il comunicato del MEF con tutte le indicazioni utili a chi ha deciso d’investire in BTP.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze comunica l’emissione del BTP Italia indicizzato all’inflazione italiana (Indice FOI, senza tabacchi – Indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, al netto dei tabacchi) con godimento 24 ottobre 2016 e scadenza 24 ottobre 2024. L’emissione avrà luogo sul MOT (il Mercato Telematico delle Obbligazioni e Titoli di Stato di Borsa Italiana) attraverso BNP Paribas e Monte dei Paschi di Siena Capital Services Banca per le Imprese S.p.A. dal 17 al 20 ottobre 2016.

Il tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito è pari a 0,35%. Il tasso cedolare (reale) annuo definitivo sarà fissato al termine del periodo di raccolta degli ordini di acquisto e non potrà essere inferiore al tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito.

La data di regolamento di tutti gli ordini di acquisto eseguiti è unica e coincide con quella di godimento. Il numero indice dell’inflazione calcolato alla data di godimento e regolamento del titolo è 100,14839.

Per la Prima Fase del periodo di collocamento, dal 17 al 19 ottobre 2016 salvo chiusura anticipata, il codice ISIN del titolo è IT0005217762. Si ricorda che sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze sono presenti tutti i documenti che illustrano sia le modalità di collocamento e distribuzione del titolo che le modalità di calcolo della cedola e della rivalutazione del capitale.

Le informazioni qui riportate non sono destinate ad essere pubblicate o distribuite, direttamente o indirettamente, negli Stati Uniti d’America. Il documento e le informazioni in esso contenute non costituiscono un’offerta di vendita di strumenti finanziari negli Stati Uniti. Gli strumenti finanziari a cui viene fatto riferimento non sono stati e non saranno registrati ai sensi del U.S. Securities Act of 1933, come modificato (il “Securities Act”) e non possono essere offerti o venduti negli Stati Uniti d’America, salvo siano registrati ai sensi del Securities Act o sulla base di esenzioni applicabili si sensi del Securities Act. Tali strumenti finanziari non sono e non saranno oggetto di alcuna offerta pubblica negli Stati Uniti d’America. Di conseguenza, questi strumenti finanziari possono essere offerti, venduti o consegnati soltanto a persone fuori dagli Stati Uniti ai sensi della Regulation S del Securities Act.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui