Edilizia, le costruzioni riprendono dopo 4 anni di crisi

Confartigianato ha redatto un report dedicato alle costruzioni spiegando che dopo 4 anni di crisi il settore sembra ripartire, magari è una ripartenza lenta ma è bene che l'economia registri un'inversione di tendenza

24 Novembre 2015 11:330 commentiVisualizzazioni: 26

Confartigianato ha redatto un report dedicato alle costruzioni spiegando che dopo 4 anni di crisi il settore sembra ripartire, magari è una ripartenza lenta ma è bene che l’economia registri un’inversione di tendenza dopo 54 mesi molto difficili per le aziende del settore.

Confartigianato afferma che

“sono tornati i segni positivi per la produzione, che a settembre 2015 mostra una crescita dello 0,4%, e per l’occupazione che al secondo trimestre 2015 mostra un +2,3%, pari a 34.000 occupati in più nell’ultimo anno. Per Confartigianato, la spinta per uscire dalla crisi può arrivare dal bonus per ristrutturazioni edili e dalla riforma degli appalti”.

LA DINAMICA TENDENZIALE DELLA PRODUZIONE NELLE COSTRUZIONI
(Gennaio 2012-settembre 2015 – var. % su stesso periodo anno precedente)

Scrive l’ANSA

Nel mese di settembre 2015 l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni in Italia ha registrato, rispetto al mese precedente, una riduzione dello 0,3%, mentre l’indice corretto per gli effetti di calendario è aumentato in termini teConfartigianato ha redatto un report dedicato alle costruzioni spiegando che dopo 4 anni di crisi il settore sembra ripartire, magari è una ripartenza lenta ma è bene che l’economia registri un’inversione di tendenzandenziali dello 0,4%, tornando a crescere per la prima volta da marzo 2011, dopo 54 mesi. Nella media dei primi nove mesi dell’anno persiste ancora una diminuzione del 2,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Segnale positivo anche dalla filiera manifatturiera di 20 settori che forniscono prodotti per l’edilizia dove la produzione a settembre cresce del 4,6%, anche se persiste un calo 3,2% nel totale dei primi 9 mesi del 2015.
Il segnale della produzione di settembre si associa alla crescita dell’occupazione nelle Costruzioni che nel secondo trimestre 2015, dopo quasi cinque anni (diciannove trimestri) segna un aumento del 2,3%, pari a 34 mila occupati in più in un anno.

Sul fronte della azioni di politica fiscale a favore del settore, mentre la Legge di stabilità 2016 conferma gli incentivi alla domanda privata, si registra una grave carenza della domanda pubblica: la spesa delle Amministrazioni pubbliche per fabbricati, opere stradali e altre opere del genio civile, quali porti, condotte, opere per la difesa del suolo, linee ferroviarie, ecc. nella media degli ultimi cinque anni è pari a 24.762 milioni di euro, di 5.092 milioni inferiore (-17,1%) ai 29.854 milioni della media dei cinque anni precedenti; nel 2014 la spesa crolla a 20.864 milioni, inferiore al livello del 2000.