Home Fisco Normativa Fiscale Indicatori, redditest e difese future

Indicatori, redditest e difese future

Il nuovo redditometro è pronto, adesso ai contribuenti devono soltanto imparare a conoscerlo ma online sono già pronte le guide per difendersi in futuro dalle spie rosse che il software accende per dimostrare che c’è una qualche irregolarità.

Sono mesi che il nuovo redditometro è promosso dall’Agenzia delle Entrate e il software in questione, adesso, sembra arrivato al capolinea. I rappresentanti delle categorie produttive ne hanno già preso visione ma i contribuenti potranno visionarlo soltanto a partire da oggi.

I tempi di realizzazione e sperimentazione del prodotto sono stati abbastanza lunghi: si parla di circa due anni e mezzo visto il redditest era stato presentato con la manovra estiva del 2010. Il programma in questione sarà a disposizione dei contribuenti che indicando redditi e spese potranno sapere se il fisco valuta congrue le dichiarazioni rilasciate.

A livello visivo non ci saranno dubbi: spia verde per le dichiarazioni conformi, spia rossa per quelle che presentano una qualche irregolarità. Il bello è che il nuovo redditometro è soprattutto uno strumento di autodiagnosi e i risultati forniti ai contribuenti non potranno essere usati dal fisco.

Il fisco è molto preciso, ha raggruppato in macrocategorie qualcosa come 100 indicatori, le spese per la casa da una parte, quelle per i figli dall’altra e via dicendo. Ma se la ricchezza aggiuntiva di cui si dispone deriva dalla donazione dei famigliari (per esempio quel bonifico di papà per comprare casa), il contribuente non sarà considerato più ricco ma dovrà presentare traccia dei trasferimenti di denaro se l’Erario gliene chiederà conto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui