Assohotel Confesercenti Emilia Romagna propone un decalogo per la corretta gestione della Tassa di soggiorno, in attesa di un regolamento nazionale. Come è noto, Assohotel Confesercenti è da sempre contraria a questa imposta a carico del settore turistico.

Il Decalogo è composto da 5 regole “interne” (azioni-guida per l’Amministrazione) e da 5 regole “esterne” (azioni-guida per il mercato).

Roma, ora sono i turisti a dover pagare una tassa di soggiorno maggiore

5 regole “interne”

  1. comunicare l’intenzione di istituire l’imposta con almeno 12 mesi di anticipo
  2. definire con le associazioni/operatori del sistema turistico dove investire i proventi dell’imposta
  3. creare un tavolo di coordinamento locale che si riunisca periodicamente
  4. impiegare i proventi dell’imposta in modo prevalente nell’ambito di azioni di promo-commercializzazione turistica e di eventi generatori di flussi turistici. Impiegare la restante parte degli introiti a sostegno delle strutture ricettive e per la qualità della destinazione turistica.
  5. fornire ogni anno – alla comunità turistica – un preciso rendiconto circa l’utilizzo dei proventi dell’imposta

 5 regole “esterne”

  1. comunicare agli ospiti – sempre – che vi è l’imposta di soggiorno e quantificarla
  2. comunicare agli ospiti – al loro arrivo – dove saranno investiti i loro soldi
  3. ringraziare gli ospiti per aver contribuito alla bellezza della città – alla loro partenza – e chiedere anche a loro quali nuovi servizi si aspettano
  4. comunicare l’introduzione dell’imposta di soggiorno ai TO almeno un anno prima, per essere in linea con la loro programmazione
  5. effettuare – tra i vari Comuni – un coordinamento d’area per avere regolamenti il più possibile omogenei

Il presidente di Assohotel Confesercenti E.R. Filippo Donati spiega che:

“pur essendo completamente contrari alla tassa di soggiorno, chiediamo almeno una revisione generale della legge che l’ha istituita e delle modalità con cui i ricavi vengono poi impiegati. Il decalogo che proponiamo può essere il primo passo in questa direzione”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui