Home News Italia Mutui, annullata penale su estinzione anticipata

Mutui, annullata penale su estinzione anticipata

Niente più penale in caso di estinzione anticipata del mutuo. Un’ottima notizia per chi si trova in queste condizioni.

Occorre, tuttavia, entrare nei dettagli. Tutto si regge sull’applicazione della direttiva europea 17/2014, che ha inoltrato nuove norme circa l’estinzione anticipata.

La direttiva europea 17/2014 denominata anche “Mortgage Credit”, ha confermato a livello europeo quanto è già stato sostenuto dal decreto Bersani per quanto concerne l’Italia:non è prevista alcuna commissione o indennità in caso di esercizio del diritto all’estinzione anticipata del mutuo contratto con l’istituto di credito. Se sembrava potesse esserci il rischio penali, l’applicazione della direttiva europea da parte del Consiglio dei Ministri, ha allontanato ogni spettro.

La direttiva europea ha previsto l’eliminazione della penale sull’estinzione anticipata del muto che prima oscillava tra l’1,5% e il 2%: entro il 21 marzo 2016 questo “obbligo” europeo dovrà essere recepito, anche se, lo ripetiamo, nella nostra Nazione le penali erano state abolite dal decreto Bersani.

Direttiva europea 17/2014: quali altre novità importanti ci sono per i mutui?

Oltre all’importante conferma nel campo dell’estinzione anticipata del mutuo, la direttiva europea ha introdotto novità molto interessanti tra cui il nuovo metodo standard per la valutazione degli immobili al fine della concessione del mutuo: con questa metodologia i evitano disuguaglianze nella concessione del finanziamento, dal momento che la valutazione viene affidata all’Osservatorio del mercato immobiliare, organo dell’Agenzia delle Entrate.

Importante innovazione apportata dalla direttiva è quella del “periodo di riflessione” di 7 giorni per il consumatore: in questo periodo temporale il mutuatario potrà valutare e comparare tutte le offerte presenti sul mercato e decidere coscientemente e con la dovuta calma il contratto da siglare, coadiuvato anche dal consulente finanziario, che la normativa europea obbliga ad avvisare il contraente in merito ai rischi finanziari e alla sostenibilità delle rate, tutto questo senza che l’utente corrisponda delle commissioni agli intermediari di consulenza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui