Non tutte le banche sono in difficoltà dopo gli stress test. Alcune, anche in Italia, godono di ottima salute visti i risultati raggiunti nel comparto di capitalizzazione.

Tra queste, vi è Intesa Sanpaolo che oggi ha presentato il nuovo piano industriale e ha ‘tirato le somme’. Il Cda ha infatti presentato oggi i principali indicatori del trimestre, che mostrano risultati in crescita:

– Produzione lorda Vita a 15.493,9 €/mln (10.052,5 €/mln a settembre 2013 +54,1%)
– Investimenti a 86.436,2 €/mln (76.885,4 €/mln a settembre 2013 +12,42%)
– Riserve tecniche a 69.680,2 €/mln (58.402,4 €/mln a settembre 2013 +19,3%)
– Passività finanziarie (unit e index linked) a 19.016,5 €/mln (16.697,0 €/mln a settembre 2013 +13,8%)
– Risultato netto a 403,5 €/mln (339,6 €/mln a settembre 2013 +18,8%)

Questo il commento ai dati:

Il gruppo assicurativo Intesa Sanpaolo Vita nel corso del terzo trimestre 2014 ha ottenuto risultati importanti e solidi, evidenziando un eccellente risultato commerciale e una performance superiore allo scorso esercizio. In continuità con quanto rilevato nei primi due trimestri del 2014, anche il terzo trimestre dell’esercizio ha confermato un miglioramento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. La crescita della performance commerciale, grazie all’impegno delle reti distributive del Gruppo Intesa Sanpaolo, ha evidenziato nuova produzione vita per 15.343,7 milioni di euro (9.869,3 milioni di euro al settembre 2014 +55,5%). La produzione lorda passa da 10.052,5 milioni di euro al settembre 2013 a 15.493,9 milioni di euro al settembre 2014 in incremento del 54,1% ed ha contribuito all’incremento degli Asset Under Management del gruppo assicurativo.

Il totale delle riserve tecniche, delle passività finanziarie inerenti ai prodotti index e unit linked e delle passività differite nei confronti degli assicurati (AUM) sottolinea una crescita del 18,0% pari a 13.598,6 milioni di euro in aumento dai 75.099,1 milioni di euro al settembre 2013 agli 88.696,7 milioni di euro a chiusura del terzo trimestre 2014.

Gli investimenti e le disponibilità liquide salgono da 79.003,1 milioni di euro al settembre 2013 a 93.244,0 milioni di euro a chiusura del terzo trimestre 2014 sottolineando un aumento di 14.241 milioni di euro pari al 18,0%.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui