Il mutuo a tasso fisso torna ad essere uno dei migliori mutui in circolazione. Complice di questa situazione è la caduta dell’Eurirs a 20 anni che è precipitato a 1,12%. Il mutuo a tasso fisso era stato chiesto nel 2014 dal 16% dei richiedenti un mutuo e questa percentuale alla fine dell’anno era arrivata al 22%. Oggi è ancora più alta e vediamo insieme di fare il punto della situazione. 

I tassi d’interesse sono ai minimi storici e l’Eurirs a 20 anni è calato fino all’1,2% determinando una diminuzione del costo dei mutui a tasso fisso. Adesso quindi il 36% di coloro che accendono un mutuo privilegiano prodotti a tasso fisso. Il differenziale tra tasso fisso e variabile, inoltre, si è assottigliato moltissimo facendo apprezzare la sicurezza dell’investimento nel tasso fisso che può contare sulla certezza della rata.

Migliori mutui a tasso fisso e variabile, vince Cariparma

A parità di spread il tasso fisso è molto più conveniente del tasso variabile. Il mutuo a tasso fisso resta inalterato fino alla fine del piano di ammortamento a patto che il contratto di mutuo non preveda una negoziazione a scadenze temporali definite. Per esempio ING Direct propone un mutuo a tasso fisso con rinegoziazione del tasso ogni 5 o 10 anni.

Chi ha acceso un mutuo a tasso fisso negli anni passati, ha dovuto pagare la maggiore sicurezza con un differenziale di costo importante rispetto a chi si è affidato al tasso variabile. Per cui nel 2002, per esempio, accendere un mutuo a tasso fisso comportava l’accettazione di un tasso del 6,35%. Un tasso che è arrivato a 5,5% nel 2003 per decrescere ancora intorno al 2010. Nei cinque anni che precedono quello in corso si è arrivati anche alla soglia del 4%. Attualmente il tasso è diminuito ancora un po’.

Le proposte migliori sono quelle di Cariparma, IwBank ed Hello Bank.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui