I prestiti personali sono tipi di finanziamento concessi da società di intermediazione che non richiedono una motivazione specifica, nel senso che la richiesta da parte del cliente non è vincolata all’acquisto di un bene in particolare. Come funzionano i prestiti personali e le rate del piano di ammortamento? 

All’interno del credito al consumo ci sono anche i prestiti personali 2015 che per loro natura, possono essere richiesti senza una motivazione specifica. Il prestito personale quindi è erogato direttamente con bonifico bancario sul conto corrente del cliente che ha presentato la richiesta e non al negozio o società in cui è avvenuto l’acquisto del bene o servizio.

Quali conseguenze sui prestiti personali, le prossime azioni della Bce

I documenti principali di cui munirsi per fare richiesta sono quelli di cui ha bisogno la banca o l’istituto finanziario per la concessione del prestito personale:

  • Carta d’identità e codice fiscale, per l’intestazione del contratto e nel rispetto della legge antiriciclaggio che obbliga tali istituti a registrare e inviare all’Agenzia delle Entrate, tutti i movimenti finanziari e immobiliari.
  • Dichiarazione dei redditi modello 730 o Unico, ultime 3 buste paga, Cu 2015 o cedolino pensione, per valutare la fattibilità del prestito e quindi della possibilità del cliente di restituire la somma prestata.
  • Copia bollette luce, gas, telefono, affitto che servono a verificare la residenza del richiedente.

Ai professioni si possono richiedere delle certificazioni supplementari, nel senso che è possibile, che oltre a questo tipo di documenti, gli istituti finanziari e bancari, possono chiedere anche la visura camerale per i liberi professionisti, l’estratto conto bancario o il certificato di residenza.

Commenti