Home Fisco Scadenze Quali sono le scadenze fiscali di agosto 2015 – il 25 e...

Quali sono le scadenze fiscali di agosto 2015 – il 25 e il 31 agosto

Il contribuente e le imprese, almeno ad agosto, vorrebbero riposarsi ma il fisco, che dilaziona ogni pagamento, per non affaticare le imprese a livello economico, si fa vivo anche d’estate.

Delle scadenze previste per il 20 agosto abbiamo già parlato. Adesso affrontiamo le altre due scadenze, quelle del 25 e quelle del 31 agosto.

> Quali sono le scadenze fiscali di agosto 2015 – il 20 agosto

Entro il 25 agosto gli operatori intracomunitari con obbligo mensile devono effettuare la presentazione degli elenchi riepilogativi (INTRASTAT) delle cessioni e/o acquisti intracomunitari di beni nonché delle prestazioni di servizi intracomunitari effettuati nel mese precedente.

Sono le scadenze del 31 agosto quelle più numerose. Le elenchiamo di seguito:

  • i soggetti passivi IVA devono effettuare l’invio in modalità telematica (modello polivalente) della comunicazione mensile relativa alle operazioni di acquisto effettuate da operatori economici sammarinesi e annotate nel registro IVA nel mese precedente;
  • i titolari di contratti di locazione e affitto che non hanno optato per il regime della cedolare secca devono versare l’imposta di registro sui contratti di locazione e affitto stipulati in data 01/08/2015 o rinnovati tacitamente a decorrere dal 01/08/2015;
  • gli enti non commerciali e agricoltori esonerati devono presentare la dichiarazione mensile dell’ammontare degli acquisti intracomunitari di beni registrati nel mese precedente dell’ammontare dell’imposta dovuta e degli estremi del relativo versamento (Modello INTRA 12). Gli stessi soggetti devono liquidare e versare l’IVA relativa agli acquisti intracomunitari registrati nel mese precedente con Modello F24 presso Banche, Agenzie Postali o Agenti della riscossione;
  • gli intermediari finanziari devono effettuare la comunicazione all’Anagrafe Tributaria dei dati, riferiti al mese solare precedente relativi ai soggetti con i quali sono stati intrattenuti rapporti di natura finanziaria;
  • le imprese di assicurazione che operano in Italia in regime di libera prestazione di servizi devono presentare, in via telematica, la denuncia mensile relativa ai premi ed accessori incassati nel mese precedente, nonché per il versamento degli eventuali conguagli dell’imposta dovuta sui premi ed accessori incassati nel mese di luglio 2015;
  • i soggetti autorizzati a corrispondere il tributo in maniera virtuale, devono versare la quarta rata o quota bimestrale dell’imposta bollo relativa alla dichiarazione presentata entro il 31 gennaio 2015;
  • va effettuato il versamento al FASI dei contributi relativi al terzo trimestre dell’anno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui