L’acquisto di obbligazioni è decisamente remunerativo se si comprendono i trend finanziari e s’indovina qual è il titolo che renderà maggiormente alla scadenza dell’obbligazione. Peccato che questo genere di prodotti si leghino anche ai rischi d’insolvenza dei paesi.

Basta vedere il rischio che stanno correndo in questo momento coloro che hanno comprato negli ultimi anni delle obbligazioni sulla Grecia. Ecco allora che se proprio lo strumento obbligazionario vi convince, dovete votarvi ai cosiddetti corporate bond.

Si tratta di una serie di obbligazioni aziendali che sono considerati migliori di tanti titoli del debito dei paesi periferici. Insomma, il mercato crede più nelle possibilità delle aziende che nella tenuta degli stati. Tra i prodotti legati al mondo dell’economia dei privati, fanno gola soprattutto le obbligazioni societarie investment grade e corporate bond.

Il rischio dell’investitore è certamente più alto ma anche i rendimenti sono più accattivanti. In più questi prodotti, oggi che il credit crunch è una realtà, sono praticamente uno strumento di “autofinanziamento” delle aziende.

Secondo molti analisti, sul breve periodo i corporate bond sono degli strumenti d’investimento redditizi soprattutto se ci si rivolge agli “industriali”. Basta osservare più da vicino quel che accade ad Eni.

Il merito di credito di Eni è uguale a quello del debito pubblico italiano, quindi BBB+ ma le quotazioni sono state migliori di quelle del debito sovrano tricolore. Un rendimento lordo al 2,2 per cento.

Commenti