Ansaldo: si tratta per la vendita con Ge

Home > News > Italia > Ansaldo: si tratta per la vendita con Ge

Il novello direttore generale di Finmeccanica Sergio De Luca ha il compito di trattare con General Electric Transportation la vendita di attività dell’Ansaldo Breda e di Ansaldo Sts, ‘cavallo di battaglia’ del gruppo nel segnalamento ferroviario.

De Luca, che fino a qualche tempo fa è stato amministratore delegato proprio di Ansaldo Sts, è volato un paio di volte a Chicago, in America, quartier generale per la parte trasporti della multinazionale. Altri manager americani, nel frattempo, hanno fatto il percorso inverso e si sono recati in Italia per la trattativa stessa.

Manca però poco tempo per finalizzare le cessioni. C’è infatti da riflettere sulle perdite operative elevate di Ansaldo trasporti (oltre 300 milioni nel solo 2012, l’ultimo dato disponibile) sia perché Finmeccanica deve giocare la partita delle alleanze europee nei settori strategici dell’aeronautica, della difesa, dello spazio. E non può sedersi con efficacia al tavolo di trattative complesse se non si scioglioe il nodo legato ad Ansaldo Breda.

L’operazione con Ge, già molto cresciuta in Italia dopo l’acquisto del Nuovo Pignone di Firenze, contempla due passaggi decisivi. Il primo è definire il perimetro delle attività che passerebbero a Ge, il cui interesse è soprattutto per Ansaldo Sts. Finmeccanica ha invece l’obiettivo opposto: elevare l’area da vendere alla multinazionale Usa.

Il resto finirebbe in una bad company in cui far confluire anche alcuni contratti in contestazione, tra cui quelli di Belgio-Olanda e Danimarca.

Il secondo passaggio riguarda, ovviamente, l’intesa sul prezzo. Di sicuro, come confermato anche dalla recente audizione in Parlamento del ceo Alessandro Pansa, l’obiettivo di Finmeccanica è la cessione dell’intero settore ferroviario, che rappresenta quasi il 10% delle attività Finmeccanica.

 

Lascia un commento