Le Borse Europee, iniziano ultima giornata di contrattazioni con gli indici volti verso la debolezza, Pesano anche i recenti ribassi dei listini asiatici reduci da una serie di sedute al ribasso.

Investire in Borsa massimizzando i guadagni

Per quanto riguarda le azioni a Piazza Affari, Atlantia sta tentando da due settimane circa di avere ragione di una resistenza molto rilevante, senza riuscire per il momento nell’intento, dicono gli analisti di Fta On line. I prezzi hanno infatti toccato a piu’ riprese dal 15 gennaio in area 17,80 il 61,8% di ritracciamento del ribasso disegnatosi dai massimi del novembre 2007 ed il lato alto del canale moderatamente crescente che e’ possibile disegnare dai minimi di marzo 2009.

>Gli investimenti in Borsa, seguire gli analisti?

Gli studiosi dei grafici ritengono che il mancato superamento del ritracciamento del 61,8%, percentuale derivata dalla successione di Fibonacci, impedisca di poter considerare il movimento che ha portato i prezzi su quella resistenza, nel caso in questione il rialzo partito dai minimi di settembre 2011, come una tendenza a se stante costringendo invece a vederlo come un elemento correttivo della fase precedente  (il ribasso dal top di novembre 2007). Fino a che area 17,80 non sara’ alle spalle rimarra’ quindi elevato il rischio di assi stere alla ripresa di una fase negativa che potrebbe in linea teorica anche spingersi sulla base del canale, citato, quello che contiene le oscillazioni del titolo dai minimi di inizio 2009, attualmente passante in area 9,35 euro.

La minaccia di una discesa cosi’ ampia per il momento e’ solo teorica, discese dei prezzi sotto i 16,45 euro, trend line che sale dai minimi di giugno 2013, e la violazione di 16,05, media mobile a 100 giorni, renderebbero tuttavia molto piu’ concreto il pericolo. Supporti intermedi sulla via del ribasso a 14,11, gap del 5 settembre, ed a 13,38, base del gap del 23 luglio. Se la mancata rottura di area 17,80 potrebbe anticipare conseguenze molto gravi, il suo superamento avrebbe implicazioni positive altrettanto rilevanti. Oltre 17,80 il primo target sarebbe infatti posto a 18,65, lato alto del canale che sale dai minimi di giugno 2013, ma vi sarebbero anche buone probabilita’ di assistere a movimenti fino ai 20,50 punti almeno.

Commenti