BCE: la sfida del 2013

Home > Investimenti > Opzioni Binarie > BCE: la sfida del 2013

Draghi porta avanti la sfida della Banca Centrale Europea accumulando su questo ente sovranazionale una serie di incarichi interessanti che fanno presagire un 2013 ricco di novità. Una prospettiva decisamente importante soprattutto per chi investe sugli indici UE.

La BCE potrebbe trovare nuova linfa grazie ai nuovi poteri di controllo del settore bancario. E’ questo che si aspetta Mario Draghi, presidente della BCE, parlando ai deputati europei. Per la moneta unica, nel 2013, questa nuova funzione di supervisione delle settore bancario e il consolidamento del fondo ESM, saranno determinanti.

Perché la supervisione va di pari passo con l’ESM? Per un semplice motivo: perché il sistema bancario sarà monitorato dalla BCE che potrà poi ricapitalizzare direttamente gli istituti tramite il fondo ESM. Questo vuol dire che il cane che si morde la cosa è stato fatto fuori e il circolo vizioso che imponeva un legame innaturale ed infinito tra banche e debiti governativi, è all’epilogo.

Prima dell’accordo erano infatti i governi a doversi fare carico dell’insolvenza degli istituti di credito, aggravando contestualmente la situazione del debito pubblico.

Secondo Draghi il 2013 sarà comunque un anno molto fragile per l’economia europea, per questo la sfida sarà sul medio e lungo termine e si giocherà sulla capacità della BCE di riequilibrare l’economia nelle diverse aree dell’Eurozona.

Lascia un commento