Nella giornata di oggi c’è stata un’apertura positiva per Piazza Affari durante la seduta. Dopo i primi scambi il Ftse Mib ha fatto registrare un +0,27% a 19.147,18 punti poi nel pomeriggio il listino torna debole a-0,1%.

Per quanto riguarda lo spread tra Btp e Bund è stato un avvio di settimana stabile con il differenziale attestatosi 155,5 punti, coerentemente con la chiusura di venerdì 7 novembre. Il rendimento del titolo decennale italiano si mantiene al 2,37%.

Volando negli Usa, c’è stata un’apertura debole per Wall Street. Il Dow Jones cede lo 0,05% a 17.566,41 punti, il Nasdaq cresce dello 0,03% a 4.633,86 punti. Nel frattempo lo S&P 500 è avanzato dello 0,06% a 2.033,92 punti.

A metà mattinata nuovo calo per Piazza Affari (Ftse Mib -0,12% a 19.070 punti) in attesa dell’avvio di Wall Street, con i futures in rialzo ed in coda alle altre piazze europee, guidate da Londra (+0,45%) e Madrid (+0,32%).
Cedono terreno importante Azimut (-5,58%), Banco Popolare (-3,35%), Bper (-2,97%) e Bpm (-2,8%), mentre corrono Yoox (+2,76%), Ferragamo (+2,39%) e Mediaset (+1,99%). In rialzo Eni (+0,91%), Enel (+0,84%) e Saipem (+0,71%).

Piazza Affari è torna al rialzo nel pomeriggioa seguito dell’inversione di rotta verificatasi in concomitanza ai dati sulla produzione industriale.

Il Ftse Mib, alla pari degli altri listini (Stoxx 600 +0,28%), è cresciuto dello 0,36%. In cima al paniere titoli come Yoox e Ferragamo che crescono, rispettivamente, del 3,15 e del 2,34%. Segno più anche per Mps (+0,75%) mentre il Wall Street Journal è tornato a ribadire che i due advisor dell’aumento, Ubs e Citigroup, avrebbero ricevuto un incarico a trovare un compratore

In conclusione Piazza Affari è stata maglia nera in Europa. Il listino milanese, con un calo dello 0,32% a 19.033 punti, risulta l’unico mercato in calo a livello europeo. Le altre piazze finanziarie sono avanzate infatti di circa 0,3 punti percentuali con Londra, Francoforte e Parigi che crescono grazie alle trimestrali di alcuni gruppi industriali.
A Milano invece il segno meno è spuntato dopo la pubblicazione del dato Istat sulla produzione industriale che conferma lo stato di crisi italiano.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui