Siccome tutte le previsioni sull’oro si stanno rivelando fallimentari, a parte quelle considerazioni che in tempi non sospetti erano ritenute fallimentari, allora tutte le banche d’affari s’affrettano adesso a ripensare la visione sul metallo prezioso.

Qualche errore comune per chi investe nell’oro

Ci ha già già pensato Morgan Stanley, adesso è arrivata la volta di Commerzbank. Il prezzo dell’oro, infatti, nella seconda metà di gennaio, era già sceso fino a quota 1690 dollari l’oncia e la settimana scorsa è arrivato addirittura ad infrangere il muro dei 1500 dollari.

Commerzbank rileva che in soli due giorni sono state piazzate sul mercato ben 24 tonnellate di oro. La rottura della media ha dimostrato intanto che c’è stata un’inversione del trend, quindi una rottura che potremmo indicare come definitiva. In due mesi, infatti tutte le medie calcolate sono state bucate e le quotazioni sono andate soltanto in ribasso.

Battuta d’arresto dell’oro

Molto dipende dal fatto che le banche centrali hanno smesso di acquistare oro per sostenere le economie periferiche acquistando titoli di stato, in più è calata la domanda mondiale di oro e sono aumentate le vendite di questo metella sul mercato. L’oro, rispetto ad alcuni particolari tipi di azioni, non rappresenta più un bene rifugio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui