Non è ancora molto diffuso ma toccherà abituarsi a questi sistemi di pagamento. Il Bollettino Freccia è uno strumento in tutto e per tutto uguale al bollettino postale ma accettato dalle banche. I suoi vantaggi sono indubbi ma anche i costi non scherzano. Vediamo a chi è rivolto e come si usa. 

Il Bollettino Freccia è simile ad un bollettino postale e per pagarlo si possono usare i contanti oppure l’addebito sul conto bancario del debitore. Nel caso si disponesse di un conto che consente le operazioni online, il Bollettino Freccia si può anche pagare tramite web.

> Tasi, è arrivato il bollettino – Guida al pagamento

Questo tipo di bollettini sono usati dalle aziende e dagli enti come le università per i pagamenti delle spese, delle rate o delle bollette. Il prezzo è contenuto ma considerato bene prima di dotarsi dei bollettini. Si possono spendere per l’incasso dei soldi da 2 a 3 euro ma ci sono banche che fanno anche pagare 5 euro.

I Bollettini Freccia sono rivolti alle aziende che hanno bisogno di incassare spese ricorrenti, per esempio per la riscossione di un abbonamento periodico ad una rivista. È un sistema alternativo di pagamento che ha diversi vantaggi:

  • costi d’accesso contenuti,
  • informazione rapida sull’esito del pagamento (entro 2 giorni lavorativi),
  • facile da usare e precompilare,
  • accettato da tutte le banche.

L’azienda creditrice invia al debitore un bollettino precompilato con l’intestazione per effettuare il pagamento e la somma dovuta. Se lo sportello del debitore coincide con quello del creditore, allora si può anche chiedere che il pagamento sia fatto con addebito in conto. Altrimenti si possono usare i contanti.

Commenti