Conti correnti, arriva il decreto portabilità. Questo provvedimento è funzionale nei casi in cui i c/c sono sospesi tra due gruppi bancari, nei casi in cui vi sono delle bollette non pagate o la carta di credito è bloccata in quanto la vecchia banca ha saltato alcuni passaggi operativi.

Il decreto, inoltre, risolve i casi in cui il conto titolo è trasferito a caro prezzo. Da oggi i conti correnti possono essere chiusi con una firma, in base a tempi stabiliti dal cliente. Trasferire un dossier da una banca all’altra con il nuovo decreto sulla portabilità dei c/c, inoltre, è gratis.

Il decreto stabilisce le misure urgenti per le banche. Porta delle novità sul trasferimento dei conti, sui tempi, sul costo (zero) e statuisce l’obbligo di risarcire il cliente se i tempi si allungano o qualcosa non va nel verso giusto:

La portabilità dei conto a costo zero in realtà non dovrebbe essere una novità, dato che la legge prevede questa possibilità dal 2007. Non c’era però fino ad oggi alcun termine di legge per completare il trasferimento, né, tanto meno, una procedura standard che rendesse uniforme e trasparente questa tipologia di operazioni e prevedesse espressamente l’esclusione di addebiti in caso di trasferimento dei titoli. Conseguenza di ciò tempi di chiusura dilatati fino a 60 giorni, banche che dimenticavano di far firmare all’ormai ex cliente l’autorizzazione a trasferire l’addebito delle bollette, istituti e Poste spa che pretendevano che la richiesta di chiusura fosse presentata ai loro sportelli e sui loro moduli per poter essere accolta e portata a conclusione, e dossier titoli con costi di trasferimento a carico.

In altri termini l’autoregolamentazione del sistema è servita a ben poco, e anche l’Antitrust è dovuto più volte intervenire al fine d9 richiamare le banche al rispetto delle leggi. Con l’entrata in vigore del decreto, però, tutto diventa più semplice perché per legge a curare il trasferimento e portalo a conclusione dovrà essere il nuovo istituto di credito, senza stress per il cliente.

 

Commenti