Da oggi, 6 maggio, partono gli ecoincentivi messi a disposizione dal Governo Renzi per l’acquisto di auto ecologiche, ovvero vetture e ciclomotori a basse emissioni di anidride carbonica.

Gli ecoincentivi, che sono disponibili sia per i privati e per le aziende: in questo secondo caso, il decreto prevede che l’acquirente proceda alla rottamazione di un veicolo con almeno dieci anni di vita (i privati non hanno questo obbligo). Di seguito tutti i dettagli.

Chi ha l’obbligo di rottamazione per l’accesso agli ecoincentivi 2014?

L’accesso agli incentivi 2014 è limitato dall’obbligo di rottamazione solo per le aziende che intendano usufruirne per l’acquisto di veicoli con emissioni di CO2 non superiori a 120 g/km, destinato all’uso di terzi (car sharing, taxi, etc.) o all’esercizio di impresa.

► Ecoincentivi 2014, la guida – Veicoli ammessi e importo degli incentivi

Quali caratteristiche deve avere il veicolo da rottamare?

L’obbligo di rottamazione per l’accesso agli ecoincentivi 2014, prevede che il veicolo da rottamare abbia le seguenti caratteristiche:

  • essere immatricolato almeno dieci anni prima della data di immatricolazione del veicolo nuovo;
  • essere intestato all’azienda (o ad uno dei familiari conviventi alla stessa data) da almeno dodici mesi dalla data di immatricolazione del veicolo nuovo;
  • appartenere alla stessa categoria del veicolo acquistato, ovvero la categoria del veicolo nuovo e di quello rottamato devono coincidere (la categoria indicata sul libretto di circolazione dei due veicoli deve essere la stessa);
  • il veicolo deve essere inoltre avviato a rottamazione.

Ricordiamo che i privati cittadini che vogliono accedere agli ecoincentivi 2014 non necessitano di essere in possesso di un veicolo da rottamare.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui