Inflazione

Nel gergo economico con il termine inflazione si intende un aumento dei prezzi, sia dei beni che dei servizi, continuativo e generale in un determinato periodo di tempo. L'inflazione si manifesta come un abbassamento del potere d'acquisto della moneta: con ogni unità monetaria si potranno acquistare sempre meno beni o servizi.

5 Novembre 2012 18:400 commentiVisualizzazioni: 382

Le cause dell’inflazione

Le cause dell’inflazione sono molteplici e non c’è ancora accordo tra gli esperti della materia economica su quale delle tante cause individuate influisca di più. In generale, l’inflazione può essere causata da uno, o da una concomitanza, dei seguenti fattori:

eccesso di domanda a fronte di una offerta scarsa: si crea in questo modo un aumento dei prezzi che perdura fino a che la produzione di quel bene o servizio non riesce a soddisfare le richieste;

aumento dei costi di produzione (soprattutto costo delle materie prime o del lavoro): le imprese, per far fronte al maggiore investimento necessario alla produzione, aumentano i prezzi del prodotto finito;

aumento incontrollato dell’offerta di moneta da parte delle banche.

Come si calcola l’inflazione

Si parla di inflazione solo nel momento in cui si rileva un generico aumento dei prezzi del paniere dei consumi, soprattutto se i rincari vanno a toccare quelle voci per cui i consumatori tendono a spendere, generalmente, di più. Nel calcolo dell’inflazione rientrano beni come:

generi di uso quotidiano (alimentari, giornali, benzina)

beni durevoli ( capi di abbigliamento, computer, lavatrici)

servizi (affitto , assicurazioni)

Per il calcolo dell’inflazione è necessario confrontare la spesa relativa al paniere dei consumi di un determinato periodo (mese o anno) e confrontarla con la spesa fatta per lo stesso paniere in un altro periodo.

Abbiamo parlato di: ,