Rating

Cosa è il rating? Qual è la sa funzione nei mercati azionari?

20 novembre 2012 18:390 commentiVisualizzazioni: 20

Il temine rating traduce l’italiano valutazione. In gergo economico, il rating si configura come un modo per dare una classificazione dei titoli obbligazionari sulla base del loro rischio. Il rating di merito creditizio è espresso attraverso una sigla in lettere emessa dalle agenzie di rating e definisce l’affidabilità creditizia dell’ente che viene classificato.

Il voto in lettere esprime il premio per il rischio che il mercato può richiedere all’azienda (in questo caso gli stati sovrani che vengono classificati dalle agenzie di rating sono considerati alla stregua di aziende) per accettare quell’investimento. Più il rating è basso, maggiore sarà il rischio che si corre per quell’investimento.

Le società, gli stati o le aziende che desiderano essere classificate dalle agenzie di rating devono fare richiesta alle agenzie stesse, che solitamente effettuano questo servizio dietro un compenso. Dopo le analisi il rating viene comunicato a chi ne ha fatto richiesta e l’ente in questione può decidere di rendere pubblica o meno la sua valutazione.

Nel caso di consenso alla pubblicazione il rating è reso noto al mercato e l’ente sarà mantenuto costantemente sotto monitoraggio dall’agenzia a cui ha fatto richiesta.

Cosa accade se l’agenzia decide di declassare il rating di un’azienda o di un soggetto pubblico? La conseguenza immediata è l’innalzamento degli interessi dei prestiti in corso, a lungo termine, il perdurare di un rating basso porta gli investitori e il mercato alla perdita di fiducia verso l’ente declassato e, quindi, di una svalutazione dei suoi titoli in borsa.

Abbiamo parlato di: ,