Risparmio

Il risparmio può essere semplicemente definito come ciò che viene sacrificato del consumo presente per essere accantonato e poi speso in un futuro, più o meno vicino. Ma, in termini economico-finanziari, il risparmio si arricchisce di diverse sfumature.

27 Novembre 2012 18:460 commentiVisualizzazioni: 36

Nella terminologia prettamente economica, il risparmio personale si configura come quella parte di reddito delle persone, delle imprese o delle aziende che non viene spesa nel momento in cui è percepita, ma viene messa da parte allo scopo di avere un capitale disponibili nel momento in cui si decide di investire, fare un acquisto importante o un bene durevole.

Ma esistono anche altre tipologie di risparmio oltre a quello personale, come il risparmio nazionale che corrisponde alla differenza tra prodotto interno e consumi, alla cui formazione concorrono famiglie, imprese e pubbliche amministrazioni (in questo ultimo caso si tratta di risparmio pubblico). Diversamente dalla famiglie, le imprese e le pubbliche amministrazioni difficilmente riescono ad accumulare risparmi sufficienti per far fronte alle spese e quindi ricorrono alle famiglie per avere liquidità, attraverso la vendita di azioni e obbligazioni.

Un’alternativa alla vendita di titoli aziendali o societari è il ricorso alle banche, ossia degli intermediari che, utilizzando i risparmi delle famiglie depositati in banca e per i quali ricevono un interesse proporzionale all’ammontare del capitale depositato, garantiscono liquidità per la copertura delle spese o per gli investimenti.

Il risparmio medio di una nazione si conteggia attraverso il tasso di risparmio, un indicatore che, nel corso del tempo, ha mostrato una globale tendenza alla diminuzione.

Abbiamo parlato di: , ,