L’ampliamento del quantitative easing della Bce e le promesse del suo presidente, Mario Draghi, non sono sufficienti all’Italia per uscire dalla deflazione: a marzo i prezzi rilevati dall’Istat hanno fatto registrare un calo dello 0,2% sullo stesso periodo dello scorso anno.

Nonostante tutto, però, l’Istituto di Statistica evidenzia “lievi segnali di ripresa” dal momento che – su base mensile – l’inflazione torna in crescita (+0,2%) dopo due cali consecutivi mentre, su base annuale, la flessione dello 0,2% si attenua in confronto al -0,3% di febbraio. La deflazione, inoltre, soffre in particolare i nuovi cali dei prodotti energetici e in particolare di quelli non regolamentati come i carburanti (-11,2%, da -8,5% di febbraio).

Nel dettaglio a marzo si registrano aumenti congiunturali dei prezzi per i trasporti (+0,8%) e, in misura più contenuta, per i servizi ricettivi e di ristorazione (+0,3%), dell’abbigliamento e calzature (+0,2%). A pesare – in questo caso – sono soprattutto le festività di Pasqua che hanno spinto gli italiani a muoversi per una breve vacanza, ma anche a consumare più pasti fuori casa. Le contrazioni congiunturali, invece, riguardano soprattutto spettacoli e cultura (-0,4%) e i prodotti alimentari (-0,2%).

Nello specifico, i prezzi del “carrello della spesa” – con i beni alimentari, per la cura della casa e della persona acquistati con maggior frequenza – diminuiscono dello 0,1% a marzo rispetto a febbraio e dello 0,3% su base annua. E’ quanto emerge dai dati provvisori dell’Istat che a febbraio aveva registrato un calo tendenziale dello 0,4%. In particolare i prezzi degli Alimentari (incluse le bevande alcoliche) diminuiscono dello 0,1% su base mensile e registrano una flessione su base annua stabile e pari a -0,3%.

“Con questi numeri non si va da nessuna parte, e preoccupa in modo particolare il dato sul carrello della spesa, che diminuisce dello 0,3% su base annua” dice il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, che poi aggiunge: “Gli effetti della deflazione saranno pesantissimi per la nostra economia, perché dimostrano che la domanda interna è ancora debole, con conseguenze negative per industria, commercio e occupazione. Il governo non ha ancora capito che la deflazione è un segnale allarmante contro il quale occorre intervenire rilanciando i consumi e aumentando il potere d’acquisto delle famiglie, attraverso misure strutturali che diano risultati sul lungo termine”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui