La volatilità del mercato aureo

Home > Investimenti > Materie Prime > La volatilità del mercato aureo

In un periodo di crisi l’oro acquista un valore molto alto, sia per il fatto che sul mercato finanziario è considerato un bene rifugio, sia per il fatto che i cittadini scambiano i gioielli di famiglia con un po’ di liquidità attraverso i famosi “Compro Oro”.

Il numero di questi negozi sul territorio italiano è cresciuto in maniera esponenziale, basta pensare che erano 28 mila a luglio ed oggi si contano già 35 mila negozi sparsi per il Paese. Il loro volume d’affare è nell’ordine di 12 miliardi di euro e dà un’idea del perché le quotazioni auree continuino l’ascesa verso livelli record, parzialmente indisturbate.

Il prezzo dell’oro, infatti, dall’inizio della crisi ad oggi è aumentato del 200 per cento, fino alla recente iniezione di volatilità legata ai controlli più serrati sull’attività dei Compro Oro. La Guardia di Finanza, infatti, ha rilevato che molti negozi abusivi svolgono un’attività dubbia, comprando e vendendo oro allo scopo di riciclare denaro sporco e gioielli rubati.

Quali sono allora i consigli per chi vuole vendere o comprare oro? Il Sole 24 Ore ne enuclea ben cinque. Il primo è quello di consentire al negozio di registrare gli estremi del documento d’identità senza farne una fotocopia. Se si vuole massimizzare il profitto è sempre meglio avere più di una valutazione.

Il terzo consiglio è di distinguere i Compro Oro dal Monte dei Pegni. Nel primo caso l’oro venduto non può essere richiesto indietro dopo un certo periodo di tempo. Infine si consiglia di diffidare dei pagamenti in contanti che superano i 1000 euro e fare in modo che il negozio tenga la bilancia per pesare l’oro bene in vista.

Lascia un commento