Monte dei paschi Siena, preoccupa aumento di capitale

Home > Investimenti > Azioni > Monte dei paschi Siena, preoccupa aumento di capitale

Nella giornata odierna il titolo azionario quotato nel listino di Borsa Italiana, si appresta  a raggiungere i massimi annuali di prezzo, e sembra che gli investitori scommettano su una mancata approvazione del piano di ricapitalizzazione. 

Nel commento ai mercati odierni di Vincenzo Longo Market Strategist,  spiega ”  Si sta dirigendo verso i minimi storici il titolo Banca Monte dei Paschi di Siena che oscilla ora a 0,1545 euro. Il titolo dai massimi di inizio anno ha fatto registrare una performance negativa del 50% e non escludiamo che possa tornare presto a rivedere i minimi storici intraday segnati il 23 luglio 2012 a 0,1432.

Previsioni prezzo oro dicembre 2013

L’aumento di capitale da 3 miliardi di euro rimane una sfida importante per il gruppo senese e il timing di questo evento potrebbe risultare decisivo per il futuro, come ha fatto sapere il presidente della banca, Alessandro Profumo. L’ipotesi di nazionalizzazione infatti rimane molto concreta se nel prossimo Cda il primo azionista dell’Istituto di piazza Salimbeni dovesse votare contro l’aumento di capitale a gennaio. Siamo convinti del fatto che l’aumento di capitale a inizio anno possa agevolare la ricerca di capitali viste le condizioni favorevoli del mercato. L’appeal che si è venuto a creare intorno al nostro Paese negli ultimi mesi potrebbe richiamare capitali dall’estero.

I beni rifugio un investimento sicuro in periodi di crisi
In questo momento gli investitori sembrano prezzare la possibilità che la fondazione possa non approvare l’aumento di capitale a inizio anno come richiede la banca. Se ciò dovesse accadere è probabile che la quotazione in borsa scenda ulteriormente con il rischio che le quote detenute a garanzia di prestiti vengano riscattate dai creditori. Sarebbe quindi un arma a doppio taglio per la fondazione che rischierebbe di vedere la propria quota scendere comunque. Lo scontro ai vertici potrebbe apportare, a nostro avviso, ritardi al piano di ristrutturazione messo in campo dall’ad. Fabrizio Viola.

 

Lascia un commento