Mutuo, meglio il fisso o il variabile? Attenzione all’Euribor

Home > Finanza Personale > Mutui > Mutuo, meglio il fisso o il variabile? Attenzione all’Euribor

Continua a restare fermo il mercato dei mutui, diversi quelli richiesti, pochi quelli concessi dalle banche e tutto si ferma. Diverse anche le oscillazioni dell’Euribor, nell’ultima settimana l’indice a 1 mese è salito dallo 0,13% allo 0,16%.

>Investire nel reddito fisso, valutare i migliori titoli

Sono solo tre centesimi ma, quando ci si avvicina a quota zero, come riportato dal Sole24Ore, anche le piccole variazioni vanno ad incidere se valutate in termini percentuali (+23%). Il problema, quindi, è vedere se questo aumento è solo il primo segnale di futuri aumenti dei tassi o se è un movimento attuale e basta.

>Andamento ciclico dei mercati azionari, dicembre 2013

Per comprendere ciò che potrebbe accadere in futuro, bisognerà seguire l’andamento dell’Euribor. Le stime dicono che nei prossimi cinque anni, l’indice dei mutui salirà ma più lentamente rispetto a quanto il mercato ritenesse prima dell’8 novembre, data in cui la Bce ha tagliato i tassi allo 0,25%. Ad oggi sono solo previsioni che poi sul lungo periodo potrebbero essere anche disattese. Per ora non ci dovrebbe essere nessuna preoccupazione per chi sta pagando le rate di un mutuo a tasso variabile, anzi stando ad esperti ed analisti, uno dei pochi punti fermi di questo difficile momento economico è che i tassi resteranno bassi ancora a lungo.

Intanto, l’andamento del indice Euribor per i mutui, sta influenzando chi  vuole decide di accendere un nuovo mutuo a optare per il tasso fisso. Infatti, se l’Euribor salisse, anche fra qualche anno, la convenienza del variabile rispetto al fisso verrebbe meno.

 

 

 

Lascia un commento