Home News Non ci sono particolari fattori di rischio di coaguli legati al vaccino...

Non ci sono particolari fattori di rischio di coaguli legati al vaccino AstraZeneca in Italia

Altro contributo importante quello che abbiamo oggi 1 aprile a proposito del vaccino AstraZeneca. Il regolatore europeo dei medicinali ha ribadito il suo sostegno al vaccino COVID-19 di AstraZeneca, affermando che nessun gruppo particolare di età, sesso o precedenti medici era particolarmente suscettibile alla coagulazione del sangue dopo aver ricevuto l’iniezione.

Vaccino AstraZeneca

Le ultime sentenze sul vaccino AstraZeneca

Tuttavia, pur ripetendo che i benefici del vaccino superano i rischi, ha avvertito che le persone dovrebbero essere consapevoli della “remota possibilità” che si verifichino rari coaguli di sangue e devono consultare immediatamente un medico in caso di sintomi.

“Un nesso causale con il vaccino non è dimostrato, ma è possibile e ulteriori analisi stanno continuando”, ha detto in una nota l’Agenzia europea per i medicinali (EMA). ( bit.ly/3m6d2M9 )

Lunedì l’EMA ha rilasciato la dichiarazione dopo un’audizione con un gruppo di esperti esterni indipendenti.

Ha parlato dopo che diversi paesi tra cui Canada, Germania, Francia e Spagna hanno limitato l’uso dell’iniezione del produttore di farmaci, dopo le segnalazioni di una rara condizione di coagulazione a seguito della vaccinazione.

Le indagini da parte dell’EMA e di diverse autorità nazionali dell’UE continuano, dopo che le indagini iniziali hanno ritenuto il vaccino sicuro per l’uso a seguito di segnalazioni di un disturbo della coagulazione cerebrale noto come trombosi del seno venoso cerebrale (CVST).

Un’alta percentuale tra i casi segnalati riguardava donne giovani e di mezza età, ma ciò non ha portato l’EMA a concludere che questa coorte fosse particolarmente a rischio per l’iniezione di AstraZeneca.

Le donne erano generalmente più inclini al CVST rispetto agli uomini e il doppio delle donne rispetto agli uomini finora hanno ricevuto l’iniezione di AstraZeneca nell’UE, ha affermato Peter Arlett, capo del monitoraggio della sicurezza dell’EMA: “Questo è il motivo per cui in questa fase è difficile districare perché c’è stata una preponderanza di segnalazioni di questo raro effetto collaterale potenziale in particolare nelle donne più giovani”, ha aggiunto.

L’EMA aveva analizzato 62 casi di questo tipo a livello globale, consultandosi anche con le autorità di regolamentazione in India, Brasile e Gran Bretagna, e 44 dei casi si erano verificati nello Spazio economico europeo (SEE).

Aveva esaminato 14 decessi, anche se non tutti erano associati a CVST, ha detto Arlett. Circa 9,2 milioni di persone nello SEE avevano ricevuto la foto entro la data limite della valutazione del 22 marzo.

Arlett ha riconosciuto che il tasso di incidenza della coagulazione del sangue era superiore a quanto normalmente previsto nei giovani e di mezza età. Sebbene non abbia quantificato la differenza, ha detto che non giustificava un cambiamento nella raccomandazione. Dunque, allerta massima sul vaccino AstraZeneca.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui