Home News Più controlli sul vaccino AstraZeneca imposti dall’UE dopo il caso Italia

Più controlli sul vaccino AstraZeneca imposti dall’UE dopo il caso Italia

Vaccino AstraZeneca ancora una volta al centro di polemiche molto aspre, anche se questa volta la vicenda non investe in modo diretto questioni sanitarie. Mercoledì l’Unione Europea ha proposto controlli più severi sulle esportazioni di dosi di vaccino Covid-19 , segnando l’ultimo battibecco tra la stessa UE ed il produttore britannico-svedese AstraZeneca.

vaccino AstraZeneca

Gli ultimi sviluppi sul Vaccino AstraZeneca

I nuovi controlli sulle esportazioni proposti dalla Commissione europea regolerebbero le esportazioni di vaccino Covid-19 dall’UE in base al tasso di vaccinazioni del paese di destinazione e alle esportazioni di vaccini. La misura è l’ultimo sforzo della Commissione per salvaguardare gli approvvigionamenti per i suoi cittadini, a seguito della carenza di AstraZeneca nella fornitura di dosi al blocco – nonostante gli obblighi contrattuali – pur continuando a raggiungere gli obiettivi del Regno Unito.

Il vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis ha dichiarato mercoledì che l’obiettivo del cambiamento è “avere più trasparenza sulle esportazioni e ottenere un quadro completo di ciò che sta accadendo al di fuori dell’UE in modo da evitare una possibile elusione delle regole”. Le osservazioni di Dombrovskis arrivano lo stesso giorno in cui 29 milioni di dosi del vaccino AstraZeneca pianificato per l’esportazione sono state scoperte in un “raid” segnalato in una fabbrica fuori Roma, in Italia.

Un portavoce di AstraZeneca ha confutato i rapporti secondo cui le dosi facevano parte di una “scorta”, affermando che il vaccino era stato prodotto al di fuori dell’UE e che era stato portato in fabbrica per essere riempito in fiale prima di distribuirle ai “paesi a basso e medio reddito”. attraverso la struttura COVAX. ”

Il portavoce di AstraZeneca ha detto che 13 milioni di quelle dosi erano “in attesa che il rilascio del controllo di qualità fosse inviato a COVAX” mentre gli altri 16 milioni di dosi erano in attesa del controllo di qualità per il rilascio in Europa.

La proposta dell’UE è stata criticata mercoledì dal primo ministro britannico Boris Johnson, il quale ha affermato che limitare le esportazioni di vaccini potrebbe danneggiare gli investimenti nei paesi che li impongono.

Mentre Johnson ha sottolineato che “i vaccini sono il prodotto della cooperazione internazionale” e che è “molto, molto importante” continuare a lavorare con l’Europa, ha anche detto che: “Vorrei solo segnalare gentilmente a chiunque consideri un blocco o un’interruzione di catene di approvvigionamento che le aziende possano esaminare tali azioni e trarre conclusioni sull’opportunità o meno di effettuare investimenti futuri in paesi in cui vengono imposti blocchi arbitrari “.

Insomma, una nuova polemica all’orizzonte per quanto riguarda la gestione del vaccino AstraZeneca.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui