Per l’agenzia di rating Standard & Poor le banche italiane dovranno mettere da parte fino a 42 miliardi di euro in nuovi accantonamenti per le perdite sui redditi entro la fine del 2014.

Per l’agenzia, un pieno recupero per il settore, che è stato duramente colpito dalla crisi del debito nell’Eurozona e sta facendo fronte all’aumento dei crediti inesigibili, è rimasto lontano a causa delle deboli prospettive economiche dell’Italia e ha continuato con il deterioramento della qualità del credito.

Standard & Poor’s si aspetta che i crediti inesigibili in Italia per le banche possano salire a 310.000-320.000 milioni di euro entro la fine di questo anno, o circa il 18% dei crediti alla clientela.

 

In Italia si vede la ripresa economica ma la disoccupazione è alta

 

Questo costringerà gli istituti di credito ad accantonare un ulteriore 32-42 miliardi di euro a copertura delle perdite sui crediti tra giugno dello scorso anno e dicembre 2014, secondo le stime dell’agenzia.

Questi aspetti sono destinati a rimanere un onere per le banche italiane come la prolungata ripresa economica e l’aumento della disoccupazione che potrebbero portare a un ulteriore deterioramento della qualità dell’attivo.

Standard & Poor’s ha precisato che mentre la maggior parte delle banche dovrebbe essere in grado di generare profitti sufficienti a coprire l’aumento delle rettifiche su crediti, alcuni istituti di credito potrebbero avere necessità di ulteriori capitali.

L’agenzia non ha specificato quali banche potrebbero dovere raccogliere capitali, ma ha detto che i due più grandi istituti di credito, Intesa Sanpaolo e UniCredit, così come la maggior parte delle banche di credito cooperativo sono ben posizionati per soddisfare i nuovi requisiti normativi noti come Basilea III.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui