In posizione sell ci sono molti titoli: si trovano sui principali listini europei in una giornata particolare. I volumi sono scarsi e c’è ben poco da fare per provare a migliorare. Così, Piazza Affari dopo due sedute positive torna a chiudere in negativo la sessione lasciando sul terreno l’1,3% a quota 17.157 punti, proprio come Londra, mentre Parigi ha ceduto l’1,2%, Francoforte l’1,1% e Madrid lo 0,9%.

Dopo che la Bce ha rinviato l’estensione del QE, i mercati hanno visto il ritorno in territorio positivo del rendimento del Bund decennale in virtù delle vendite sui governativi di tutta Europa. Attualmente il rendimento del decennale è di 0,003% rispetto al -0,04% di ieri sera.

Cresce anche lo yield del Btp a dieci anni che si aggira intorno al 1,25%. Questione Eurotower: l’esponente dell’Istituto centrale, Ilmars Rimsevics, ha dichiarato che sono oggetto di valutazione possibili modifiche all’ammontare del programma di Qe, in rapporto alla quota dei singoli Paesi che vi fanno parte e al livello minimo dei tassi dei titoli che si possono acquistare:

Ci sono tre elementi: il capital key, l’ammontare degli acquisti e la riduzione del livello minimo del tasso di deposito. Tutti questi temi sono tema di discussione e lo saranno probabilmente anche altri. Credo che dovremmo avere pazienza e lasciar lavorare gli esponenti della Commissione fino a dicembre. Penso che allora sapremo se saranno necessarie le modifiche.

Intanto giungono riflessioni concernenti potenziali mutamenti al Qe sono state avanzate anche dagli analisti di Fitch, secondo i quali è probabile che la Bce propenda per un’estensione oltre marzo 2017 e che modifichi i parametri del programma di acquisti di asset per stimolare al rialzo in maniera significativa l’inflazione dell’Eurozona.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui