Home News Previsioni sul vaccino AstraZeneca in Europa tra primo e secondo trimestre 2021

Previsioni sul vaccino AstraZeneca in Europa tra primo e secondo trimestre 2021

Il vaccino AstraZeneca continua ad andare a rilento da un punto di vista prettamente produttivo. Mentre in Italia sono previste 5 milioni di dosi entro la fine di marzo, in queste ore possiamo fare due conti anche per quanto riguarda l’Unione Europea. Sia per il primo trimestre, sia per il secondo. AstraZeneca sta cercando di fornire 40 milioni di dosi del suo vaccino COVID-19 all’UE entro la fine di marzo, meno della metà dell’importo promesso nel suo contratto per il trimestre, ha detto giovedì il CEO Pascal Soriot ai legislatori europei.

Vaccino AstraZeneca

Le previsioni sul vaccino AstraZeneca in Europa nei prossimi mesi

L’impegno era in linea con le precedenti dichiarazioni del produttore di farmaci anglo-svedese, che da tempo ha affermato di non essere in grado di raggiungere l’obiettivo di 90 milioni di dosi nel primo trimestre.

L’UE, che è rimasta molto indietro rispetto agli Stati Uniti e all’ex membro della Gran Bretagna nel vaccinare il suo pubblico, ha ripetutamente esortato l’azienda a fornire di più.

“Sono deluso dal fatto che una produzione inferiore al previsto nella nostra catena di fornitura europea dedicata abbia influito sulla nostra capacità di fornire”, ha detto Soriot. “Stiamo facendo tutto il possibile per fornire 40 mln di dosi nel primo trimestre del 2021”.

Nella sua dichiarazione iniziale al Parlamento europeo non ha fatto riferimento alle consegne nel secondo trimestre dell’anno, che dovrebbero ammontare a 180 milioni di dosi previste dal contratto. Resta da capire quali saranno le proiezioni di questi numeri inerenti il vaccino AstraZeneca qui in Italia.

Secondo Ursula von der Leyen, capo della Commissione europea, è stato vaccinato circa l’8% della popolazione adulta dell’UE. AstraZeneca proverà ora a fornire 40 milioni di dosi del suo vaccino COVID-19 entro la fine di marzo, rispetto ai 90 milioni iniziali. L’impegno è in linea con le precedenti dichiarazioni della società.

Mercoledì, AstraZeneca ha dichiarato che sarebbe stata in grado di fornire solo la metà dei vaccini COVID-19 che era stata contratta per fornire all’UE nel secondo trimestre del 2021. L’UE ha ripetutamente esortato l’azienda a fornire di più.

“Stiamo lavorando 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per migliorare la consegna e speriamo di raggiungere le aspettative per il secondo trimestre”, ha detto Soriot.

L’azienda prevede di aumentare la produzione utilizzando stabilimenti al di fuori dell’UE che non hanno avuto problemi di produzione, compresi gli Stati Uniti. Soriot non ha menzionato l’obiettivo di 180 milioni fissato per il secondo trimestre. Staremo a vedere come evolveranno le cose con il vaccino AstraZeneca.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui