Sono molte le novità di stampo economico che attendono l’Italia da qui alle prossime settimane. Il nuovo esecutivo, ormai da molto tempo concretamente a lavoro su tutti i fronti, ha in mente una serie di strategie per far tornare l’Italia sulla retta via.

In primo luogo’, l’obiettivo è quello di dare la massima attenzione ad uno dei capitoli più ‘sanguinosi’ della storia degli ultimi anni del nostro Paese: l’occupazione dei giovani sempre più latente.

Pare che Letta e il suo Governo abbiano più chiaro il ‘luogo’ dal quale andare a ‘prendere’ quei 400 milioni di risorse necessari per calmierare la situazione.

Una soluzione, questa, che va portata a termine entro e non oltre il 27-28 giugno: in quei due giorni Letta sarà a Bruxelles e si recherà dinanzi al consiglio dell’Unione europea al fine di chiedere con più vigore di aiutare l’Italia a superare gli effetti della crisi.

Nello specifico, dunque, la priorità è quella di sbloccare immediatamente i fondi del programma “Youth” (altri 400 milioni per l’Italia) e autorizzare l’uso dei fondi strutturali europei non utilizzati per sostenere l’occupazione.

Qualora l’operazione dovesse riuscire (la ‘raccolta’ dei fondi inutilizzati è affidata al ministro Carlo Trigilia, che Letta ha visto venerdì sera) verrebbe fuori un pacchetto di qualche miliardo di euro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui