Si riunisce oggi il board dei soci di Rcs Mediagroup. Un meeting decisivo, atto a rinnovare il consiglio di amministrazione del gruppo editoriale dopo il successo della scalata di Urbano Cairo. Sono presenti, in proprio o per delega, 211 azionisti, in rappresentanza dell’85,45% del capitale sociale.


L’azionista di maggioranza Cairo Communication ha proposto a sorpresa un consiglio di amministrazione formato da undici membri, a fronte di aspettative per un consiglio di 9 membri, di cui 6 espressione di Cairo e 3 della minoranza. Stando a questa proposta invece, verosimilmente il board dovrebbe essere formato da 7 membri per Cairo e 4 per le minoranze. Cairo ha anche proposto di limitare a 350mila euro il compenso complessivo del consiglio, poco di più dei 300mila euro della richiesta depositata dalle minoranze nei giorni scorsi. Nel board dell’editore di Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport entreranno lo stesso Cairo, già ora presidente e ad di Rcs, e Gaetano Micciché, presidente di Banca Imi, è indicato come vicepresidente di Rcs.

Per la lista di minoranza, presentata da Diego Della Valle, Mediobanca, UnipolSai, Pirelli e Imh, entreranno in cda lo stesso Della Valle, Marco Tronchetti Provera e Carlo Cimbri. Dalla lettura del libro soci è emerso che Cairo detiene il 59,83% del capitale sociale, Diego Della Valle il 7,32%, Mediobanca il 6%, Finsoe il 4,6% e ChemChina il 4,43%. Sotto il 3%, Imh (la cordata che aveva lanciato l’Opa concorrente a Cairo) possiede il 2,17%. Il patto che lega i soci storici del gruppo editoriale riunisce così il 24,7% del capitale.

Nel frattempo, però, il titolo tratta debole in Borsa, in una giornata complicata per tutto il mercato milanse.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui