Tango Bond, creditori pagati entro giugno 2016

Il Presidente della Task force Argentina, Nicola Stock, esprime soddisfazione per la sentenza della Corte di Appello di New York di ieri che ha revocato le ultime restrizioni verso Buenos Aires e si dice fiducioso che gli oltre 50.000 obbligazionisti italiani potranno ora ricevere in contanti il 150% del valore dei loro titoli argentini (per un totale di 1,35 miliardi di dollari) entro il mese di giugno.

Tango Bond, intesa vicina anche con gli Usa?

L’intesa tra Argentina e gli hedge fund Usa, che dal 2001 chiedono il rimborso di quasi 100 miliardi di titoli dopo il fallimento del Paese, si fa più vicina.

Quali conseguenze per i vecchi tango bond dopo il default dell’Argentina?

 In un post pubblicato prima di questo abbiamo visto quali potranno essere le possibili conseguente per coloro che detengono in questo momento titoli argentini ristrutturati, ovvero i tango bond del default, dopo aver aderito, in un periodo compreso tra il 2005 e il 2010 al concambio sui titoli in seguito alla ristrutturazione del debito.

Quali conseguenze per i tango bond ristrutturati dopo il default dell’Argentina?

 Lo scorso 30 luglio 2014 l’Argentina, da tempo sulle pagine dei quotidiani finanziari di tutto il mondo per la vicenda dei cosiddetti tango bond, è entrata per la seconda volta in tredici anni in uno stato di default tecnico. Non è infatti riuscita ad onorare gli impegni presi con i creditori internazionali che hanno acquistato i suoi titoli di stato aderendo alla ristrutturazione del debito, dal momento che, non avendo trovato di recente un accordo con i possessori degli hedge fund, i pagamenti sono rimasti bloccati. 

Argentina assicura che saranno ripagati i debiti

 Il governo dell’Argentina ha intenzione di porre in essere i passi necessari “per pagare il debito ristrutturato in Argentina e sotto la legge argentina”. È quanto ha reso noto il ministro dell’Economia Axel Kicillof, specificando che invece al contrario i ‘fondi avvoltoi’ “no pasaran” e non ce la faranno a “buttare giu la ristrutturazione” già fatta sull’indebitamento.

Argentina, tango Bond storia infinita, Nuovo spettro default

 La Corte Suprema americana ha respinto l’appello di Buenos Aires confermando la sentenza precedente che obbliga al pagamento di 1,3 miliardi di dollari agli hedge fund titolari di bond andati in default. Eha stabilito inoltre che i possessori di bond possono far ricorso alle corti americane per costringere l’Argentina a dire dove controlla proprietà nel mondo per facilitare il recupero dei fondi.