Home Investimenti Trend di inizio anno, sempre più investitori si affidano a Plus500

Trend di inizio anno, sempre più investitori si affidano a Plus500

In un contesto economico sempre più incerto, con le economie mondiali sotto pressione per via dell’emergenza sanitaria dovuta alla Pandemia di Covid-19, la finanza sembra andare contro corrente. Nonostante tutte le incertezze, infatti, le principali borse mondiali continuano a far registrare rialzi importanti quotando molto vicino ai massimi.

Plus500

Una tendenza che sembra inarrestabile e, forse, è anche dovuta all’euforia per la forte iniezione di liquidità che le principali banche centrali stanno immettendo sul mercato. In questo contesto la diffusione del fenomeno del trading online ha avvicinato milioni di nuovi investitori alle Borse e ai mercati. Le negoziazioni, fino a qualche tempo fa, erano esclusivamente legate a professionisti del settore con anni di esperienza alle spalle, ma oggi lo scenario è molto, molto cambiato. Oggi infatti sono davvero tantissimi i semplici appassionati di trading che investono ogni giorno utilizzando un broker: uomini e donne che spesso hanno un’altra attività prioritaria e che si avvicinano alla finanza soprattutto per passione.

Ebbene, questo specifico target spesso e volentieri dedica buona parte del proprio tempo anche alla formazione: migliorare le proprie conoscenze è infatti il modo migliore per investire in maniera sempre più consapevole, alzando in maniera decisa le possibilità di trarre guadagno dalle varie negoziazioni. Ecco perché, è importante studiare tutte quelle operazioni impiegate nel trading online.  In tal senso è utile leggere l’approfondimento sulla leva su plus 500 proposto dal portale specializzato Investingoal.it.

Plus500: la leva finanziaria

Quando si parla di leva finanziaria si fa riferimento alla possibilità di comprare diverse attività che abbiano un importo superiore rispetto alle proprie disponibilità. Il risultato di questa operazione permette dunque al beneficiario di godere di un rendimento potenziale che sarà a sua volta superiore rispetto a quello che deriverebbe dall’investimento diretto. Stiamo dunque parlando di uno strumento potenzialmente molto utile, che però presenta rischi altrettanto importanti.

Ecco perché l’ESMA (ovvero l’Autorità Europea degli Strumenti Finanziari e dei Mercati) ha imposto dei limiti molto rigidi entro cui ridurre la leva finanziaria, al fine di mettere gli utenti nella posizione di poter gestire meglio la componente di rischio di cui sopra. Si tratta di livello diversi, cuciti su misura addosso al singolo mercato o al singolo strumento finanziario: questo vuol dire, ad esempio, che il limite della leva finanziaria delle azioni è di 5:1, mentre quello delle materie prime è di 10:1.

La scelta del giusto broker

Quando si muovono i primi passi verso il mondo del trading online, un passaggio fondamentale è da sempre quello dedicato alla scelta del giusto partner. Parlare di “partner” applicato al mondo degli investimenti digitali, significa gioco forza parlare di “broker”. Un tempo questa parola indicava dei professionisti in carne ed ossa, il cui compito consisteva nel telefonare ad un parco di potenziali clienti, proponendo loro investimenti vari ed eventuali.

Oggi i broker sono invece soprattutto dei siti internet: delle piattaforme che però mantengono la stessa funzione di “intermediario” degli anni passati. Infatti è grazie ai broker che gli utenti si collegano con le borse di tutto il mondo ed è sempre tramite i broker che si possono comprare e vendere i principali strumenti finanziari del mercato. Ogni broker presenta condizioni e caratteristiche particolari: ecco perché è molto importante sapere individuare quello maggiormente adatto alle proprie esigenze, al proprio budget ed alla propria preparazione.

Plus500: Broker e formazione

Ad esempio, diversi broker dedicano almeno ampio spazio alla diffusione di materiale informativo: articoli ed approfondimenti dedicati ai fondamentali della disciplina, o ad alcuni temi caldi del mondo finanziario. È il caso del già citato Plus 500, una piattaforma di trading online che non chiede commissioni e che offre all’utente diverse modalità d’uso.

Tra le varie vale la pena di citare il cosiddetto “Conto Demo”, una modalità simulata che permette di fare pratica con i vari strumenti finanziari disponibili, senza però rischiare di perdere nemmeno un centesimo di denaro reale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui