Home News Ban della Cina per le criptovalute: cosa succede ai bitcoin

Ban della Cina per le criptovalute: cosa succede ai bitcoin

I regolatori cinesi hanno inasprito le restrizioni che vietano agli istituti finanziari e alle società di pagamento di fornire servizi relativi alle criptovalute, segnando un nuovo giro di vite sul denaro digitale. leggi di più

Rispetto a un precedente divieto emesso nel 2017, le nuove regole hanno notevolmente ampliato la portata dei servizi vietati e hanno ritenuto che “le valute virtuali non siano supportate da alcun valore reale”.

criptovalute

Le nuove misure sulle criptovalute

Martedì tre associazioni del settore finanziario hanno ordinato ai propri membri, tra cui banche e società di pagamento online, di non offrire alcun servizio criptato, come apertura di conti, registrazione, negoziazione, compensazione, regolamento e assicurazione, ribadendo il divieto del 2017.

Ma il nuovo divieto, che è stato pubblicato dalla Banca popolare cinese (PBOC), copre anche servizi che non sono stati menzionati in precedenza. Ad esempio, ha chiarito che le istituzioni non devono accettare valute virtuali o utilizzarle come mezzo di pagamento e regolamento. Né le istituzioni possono fornire servizi di cambio tra criptovalute e yuan o valute estere.

Inoltre, alle istituzioni era vietato fornire servizi di risparmio, fiducia o costituzione in pegno di criptovaluta ed emettere prodotti finanziari correlati alla criptovaluta. E le valute virtuali non devono essere utilizzate come obiettivi di investimento da prodotti fiduciari e fondi.

Le banche e le società di pagamento sono state inoltre esortate a intensificare il monitoraggio dei flussi di denaro coinvolti nel trading di criptovalute e a coordinarsi più strettamente nell’identificazione di tali rischi.

Le direttive sono state emanate in una dichiarazione congiunta della National Internet Finance Association of China, la China Banking Association e la Payment and Clearing Association of China.

La Cina non riconosce le criptovalute come moneta a corso legale e il sistema bancario non accetta criptovalute né fornisce servizi pertinenti.

Nel 2013, il governo ha definito il bitcoin come una merce virtuale e ha affermato che le persone potevano partecipare liberamente al suo commercio online.

Tuttavia, nello stesso anno, i regolatori finanziari, inclusa la PBOC, hanno vietato alle banche e alle società di pagamento di fornire servizi relativi a bitcoin.

A settembre 2017, la Cina ha vietato le Initial Coin Offerings (ICO) nel tentativo di proteggere gli investitori e ridurre i rischi finanziari.

Le regole ICO hanno anche vietato alle piattaforme di trading di criptovaluta di convertire corso legale in criptovalute e viceversa.

Le restrizioni hanno spinto la maggior parte di tali piattaforme di trading a chiudere con molti che si spostano offshore.

Le regole ICO hanno inoltre vietato alle società finanziarie e alle società di pagamento di fornire servizi per ICO e criptovalute, inclusi i servizi di apertura di conti, registrazione, negoziazione, compensazione o liquidazione.

A luglio 2018, 88 piattaforme di trading di valuta virtuale e 85 piattaforme ICO si erano ritirate dal mercato, ha affermato la PBOC.

Perché la Cina ha bloccato le criptovalute?

La corsa al rialzo globale di bitcoin ha rianimato il trading di criptovaluta in Cina.

La direttiva industriale di martedì ha avvertito che il commercio speculativo di bitcoin è rimbalzato, violando “la sicurezza della proprietà delle persone e interrompendo il normale ordine economico e finanziario”.

Molti investitori cinesi stavano ora negoziando su piattaforme di proprietà di borse cinesi che si erano trasferite all’estero, tra cui Huobi e OKEx. Nel frattempo, il mercato cinese delle criptovalute è tornato ad essere frenetico, mentre le chartroom di trading un tempo dormienti sui social media sono riprese.

Gli scambi incentrati sulla Cina, che includono anche Binance e MXC, consentono alle persone cinesi di aprire account online, un processo che richiede solo pochi minuti. Facilitano anche accordi peer-to-peer nei mercati OTC che aiutano a convertire lo yuan cinese in criptovalute. Tali transazioni vengono effettuate tramite banche o canali di pagamento online come Alipay o WeChat Pay.

Gli investitori al dettaglio acquistano anche “potenza di calcolo” dai minatori di criptovaluta, che progettano vari schemi di investimento che promettono rendimenti rapidi e consistenti.

Nel frattempo, la potenziale minaccia delle criptovalute per la valuta fiat cinese, lo yuan, ha spinto la PBOC a lanciare la propria valuta digitale.

Cosa succede ora alle criptovalute

La nuova repressione rende più difficile per le persone acquistare criptovalute utilizzando vari canali di pagamento e potrebbe avere un impatto sull’attività dei minatori rendendo più difficile per loro scambiare criptovalute con yuan.

Ma anche le banche e le società di pagamento devono affrontare la sfida di identificare i flussi di denaro relativi alle criptovalute.

Winston Ma, professore aggiunto alla NYU Law School e autore del libro “the Digital War”, ha affermato che le nuove regole sono state progettate per tagliare completamente le transazioni legate alle criptovalute dai sistemi finanziari cinesi e si aspetta che il governo introduca nuove normative che prendono di mira le risorse crittografiche.

La Bitcoin Association di Hong Kong ha dichiarato in un tweet in risposta al reiterato divieto della Cina: “Per chi è nuovo al bitcoin, è consuetudine che la Banca popolare cinese bandisca il bitcoin almeno una volta in un ciclo rialzista”. Vedremo cosa accadrà ora alle criptovalute.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui