Sono arrivati nuovi chiarimenti da parte del Fisco sulla possibilità di ottenere le detrazioni sull’acquisto di mobili ed elettrodomestici. L’Agenzia delle entrate ha chiarito che la detrazione Irpef del 50% vale sull’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici per interventi che rientrano nella detrazione del 36-50%, ex articolo 16 bis del Tuir.

 

Nuove norme per la richiesta del bonus mobili a partire dal 2014

Quindi il bonus mobili può essere sfruttato, quindi, soltanto per interventi di ristrutturazione. È la detrazione Irpef del 50% utilizzata per chi acquista mobili e grandi elettrodomestici di classe energetica non inferiore ad A e A+, per arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. Il bonus al 50% è conteggiato sull’importo massimo di 10mila euro, può essere richiesto soltanto da chi realizza una ristrutturazione edilizia, sia su singole unità immobiliari sia su parti comuni di edifici.

Bonus bebè, quali banche aderiscono alla campagna

Inoltre l’agenzia, ha chiarito che tali bonus possono essere richiesti soltanto da chi ha effettuano lavori che rientrano nella manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, interventi su immobili danneggiati da calamità naturali, interventi di recupero edilizio di interi fabbricati da parte di imprese di costruzione.

Fra gli interventi di manutenzione straordinaria fanno parte le opere e le modifiche inerenti al rinnovo e alla sostituzione di parti anche strutturali degli edifici e per la realizzazione di servizi igienico/sanitari e tecnologici, sempre che non cambino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non implichino mutamenti delle destinazioni d’uso, come installazione di ascensori e scale di sicurezza, sostituzione di infissi esterni e serramenti o persiane con serrande e con modifica di materiale o tipologia di infisso.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui